A- A+
Roma
Paolo Ruffini alla corte di Papa Francesco: “Consapevole del grande compito”

Paolo Ruffini alla corte di Papa Francesco. Il giornalista ed ex direttore di Tv2000 primo laico, sposato, a giudare un dicastero vaticano, quello della Comunicazione.


 

 

Una nomina che, come riportato da Vatican News, ha destato molta sorpresa all'interno delle mura vaticane: "Sono stato io il primo a essere sorpreso della chiamata del Papa. E come ho detto, ho piena consapevolezza di come un compito così grande sia anche misura e ammonimento costante della mia personale piccolezza, che solo può confidare nella Grazia di Dio. Quando a conclusione del Giubileo - insieme a Lucio Brunelli – ho intervistato il Santo Padre, ricordo una sua risposta a una nostra domanda sulla Chiesa: 'La Chiesa come istituzione la facciamo noi, ognuno di noi. La comunità siamo noi'. Era ed è una chiamata anche ai laici, perché non si sottraggano alle loro responsabilità, al loro essere Chiesa, e ai ruoli che nella vita la Chiesa può chiederci di ricoprire. Credo che questo sia ciò che il Papa chiede a ognuno di noi e ha chiesto in questo caso a me. Una chiamata alla quale si può rispondere solo confidando, come dice San Paolo, che è nella debolezza che si manifesta pienamente la forza".
 

L'ex giornalista, tra gli altri, de Il Messaggero e Il Mattino avrà infatti l'arduo copito di portare a termine la riforma della comunicazione vaticana, avviata dal Santo Padre nel 2015 e interrotta dall'addio di Monsignor Dario Viganò: "Le riforme non sono mai fatte da una persona soltanto. Non sono un problema di organigrammi, quanto l’acquisizione di uno spirito di servizio - dichiara ancora Ruffini a Vatican News Le riforme sono un camminare insieme che richiede ascolto, inclusione e il coinvolgimento di tutti. Per questo serve la disponibilità a cambiare. E la consapevolezza di quanto grande, e bello, sia il contenuto di quel che comunichiamo agli uomini e alle donne del nostro tempo. È questa la sfida a cui ci chiama la Chiesa. E questa è la strada sulla quale dovremo tutti, io per primo, andare avanti.  Come ha detto il Papa, non bisogna avere paura di questa parola, riforma. Riforma 'non è imbiancare un po’ le cose, ma organizzarle in altro modo'. E questo è quel che ci chiede il Papa".

 

Tags:
paolo ruffinipapa francescovaticanocomunicazionedario viganoroma




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

i più visti
i blog di affari
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
Alberto Pezzini rilancia il turismo a Sanremo con "Futura Sanremo"
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.