A- A+
Roma
Papà separati sul lastrico. Sono “mammi” eppure non hanno diritti. La lettera

Padri separati che finiscono sul lastrico per pagare gli alimenti alle ex mogli. Hanno imparato a fare i “mammi” eppure, quasi sempre, i loro diritti sono “zero” rispetto a quelli delle donne.

 

Affaritaliani.it pubblica la testimonianza di una lettrice: “Sono la compagna di un papà separato ridotto sul lastrico. Non mollate, non arrendetevi, unitevi e fate valere i vostri diritti”.

di Francesca D.

Sono la compagna di un papà separato ridotto sul lastrico. Uno di quei papà che vive per i figli, che se ne prende cura, che li accudisce e che soffre quando è costretto a stargli lontano.

La sua è una storia come tante, in cui l'ex moglie prima lo tradisce e poi lo lascia per l'uomo con cui lo aveva tradito, quindi è costretto non solo ad andare via di casa, ma anche a dare gli alimenti a lei, la cara signora non lavora ed ha 30 anni, e il mantenimento ai figli. Passa un anno ci conosciamo e ci innamoriamo e da questa unione nasce un figlio. Nel frattempo lui si rivolge ad un avvocato per ottenere il divorzio e porre fine alle continue richieste economiche dell'ex moglie che lo usa come bancomat. Da quel momento la signora si accanisce contro l'ex marito inventando una serie di querele con la complicità del compagno. In attesa della fine della sentenza di divorzio, le querele, alcune archiviate, altre sono andate avanti e viene chiamato in causa dal Tribunale.

Lui prende 1100 di stipendio, 400 ne da di mantenimento complessivo, rimangono 700 euro con cui dovrebbe andare avanti lui, pagare le spese straordinarie dei figli, lo impone la legge, e mantenere l'altro figlio. Purtroppo tanti sono i padri che vivono situazioni come questa, per colpa di una legge vecchia di 50 anni. Sembra di vivere negli Cinquanta dove era compito degli uomini lavorare e mantenere la famiglia ed era compito delle donne stare a casa ad accudire i figli e marito e a tenere pulita la casa. Peccato che le cose sono molto cambiate. Gli uomini, i padri come il mio compagno si occupano dei figli a volte meglio delle madri, li lavano, li vestono, cucinano per loro, preparando anche pappe, cambiano pannolini, cantano ninne nanne, li aiutano a fare i compiti, si preoccupano se stanno male, li portano a visita dal pediatra e tanto altro. Non sono papà ma dei "mammo".

Allora mi chiedo perché deve esistere una legge così ingiusta e discriminatoria? Perché un papà deve essere ridotto a fare il bancomat e il baby-sitter partime? Perché una "madre" giovane, quindi con capacità lavorativa, può permettersi di essere nullatenente e non essere parte attiva al mantenimento dei figli, mentre se lo fa un padre può essere condannato e addirittura con la nuova legge 570 bis arrestato? Quando si decide di mettere al mondo un figlio, la responsabilità di prendersene cura, accudirlo, crescerlo e mantenerlo è di entrambi i genitori non può e non deve essere solo dell'uomo. È una vergogna. Tanti sono i papà che combattono per i loro figli e tanti invece che si sono arresi. A tutti dico: "non mollate, non arrendetevi, unitevi e fate valere i vostri diritti. Manifestate, unitevi in un movimento solo così riuscirete a far sentire la vostra voce.

Tags:
padri separatidivorzioseparazionimantenimento mogliemantenimento figligiustiziapapà separati sul lastrico




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

i più visti
i blog di affari
Alberto Pezzini rilancia il turismo a Sanremo con "Futura Sanremo"
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.