A- A+
Roma
Pasolini, Magnani e Kentridge. Parola ai muri: guida alla street art di Roma

di Patrizio J. Macci

 

Pasolini, Anna Magnani, Kentridge e tanti altri. Parola ai muri di Roma, le immagini diventano storia, rabbia, delusione: guida alla street art della Capitale.

 

“Un muro è fatto per essere disegnato” ha scritto il re dei dei writers Keith Haring e i muri di Roma, carichi di una storia personale che in alcuni casi supera il millennio, non fanno eccezione. Li ha messi in fila Carla Cucchiarelli in “Quello che i muri dicono” (Iacobelli editore), una rassegna certosina della Street Art e dei suoi spesso misteriosi autori che fanno parlare i muri della Capitale. Superfici che lanciano messaggi dalla Periferia al Centro attraverso disegni che riproducono il volto di Pier Paolo Pasolini e di Anna Magnani, Kentridge che illumina con la sua mano il Lungotevere, volti di donna anni Settanta, Gian Maria Volontè capelli al vento, il bacio tra Trump e il Papa (prontamente rimosso), una madre della Resistenza. Fino alle rappresentazioni fluide e surreali con contaminazioni che richiamano lo stile di Guttuso oppure che chiosano fatti di cronaca e personaggi politici. Una ricognizione geografica che attraversa le strade di Roma da Rebibbia al Centro Storico, i muri parlano ovunque raccontando storie, insofferenze, delusioni, rabbia. Artisti che gettano semi al cielo sperando che le immagini si tramutino in un’azione di cambiamento. Sono gli epigoni di Pasquino, il chiacchierone di pietra che dal XVI secolo con i suoi versi satirici in forma anonima prendeva di mira il Potere in tutte le sue forme senza fare sconti.Un fenomeno complesso e difficile da catalogare, partito in clandestinità e ora entrato di diritto nel mercato dell’arte con le quotazioni milionarie raggiunte dal misterioso Banksy. I muri scoloriscono e sbiadiscono e l’opera d’arte perde o aggiunge forza al suo messaggio con il deperimento. Sono trascorsi poche decine di anni da quando una mano lesta chiosava, il giorno successivo al clamoroso errore di un eminente critico d’arte nell’attribuzione delle statue di Modigliani rivelatesi poi false, il suo nome seguito dall’epiteto “cazzaro”. Le parole erano l’unico strumento possibile all'epoca, le materie prime per disegnare costose e di difficile reperimento. Immagini sulle quali cadono gli occhi e sbattono le teste.I muri di Roma continuano a parlare e non è una mano di vernice a farli tacere perché fotografati rimbalzano immediatamente sui social network. La superficie rimessa a nuovo diventa tela per nuove idee. Dal punto di vista editoriale il volume è dotato di indice dei nomi e una bibliografia accurata che lo rendono uno strumento prezioso da conservare nello scaffale, sfogliandolo si ha l'impressione di sentire l'odore della vernice ancora fresca.

Tags:
pasolinimagnanikentridgemuralesstreet artromaquello che i muri diconocarla cucchiarelli






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Metro A nel caos. Centro a ostacoli: furia dei romani, turisti smarriti

Metro A nel caos. Centro a ostacoli: furia dei romani, turisti smarriti

i più visti
i blog di affari
Xi Jinping in Italia? Una “distrazione” del nostro Paese in politica estera
di Ernesto Vergani
L'Italia ha trovato un Capitano: Salvini
di Maurizio de Caro
Come orientarsi nel codice della crisi e dell’insolvenza
di Angelo Andriulo

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.