A- A+
Roma
Pescasseroli demolita, gli abusivi dicono addio al Parco nazionale d'Abruzzo

Gli abusivi salutano il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: partita la campagna di abbattimenti degli abusivi edilizi. La prima demolizione a Pescasseroli.

 

Mercoledì, con la prima demolizione, prende il via la campagna dell’Ente Parco, d’intesa con le Amministrazioni comunali via via coinvolte, per il recupero delle aree degradate da abusi edilizi realizzati in assenza o in difformità dal Nulla Osta del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Come previsto dalla legge nazionale sulle aree protette e da quella sull’edilizia, l’Ente Parco ha tra i suoi compiti quello di ordinare ai responsabili la demolizione degli abusi edilizi e, in caso di mancata esecuzione, di procedere direttamente addebitando poi le spese al responsabile, contestualmente viene anche acquisito al patrimonio del Parco il terreno su cui insiste l’abuso. A tal riguardo il Ministero dell’Ambiente ha assegnato appositi fondi per una efficace azione di ripristino dei luoghi alterati dagli abusi.

La prima demolizione, realizzabile dopo un complesso iter burocratico, si riferisce ad un agglomerato di baracche, costruite in modo completamente abusivo con materiali di recupero (lamiere, legno, cemento) per ricovero di animali, ai margini del paese di Pescasseroli, tra le belle praterie della Difesa. Il manufatto insiste addirittura su terreno comunale.

L’eliminazione degli elementi di degrado, oltre ad essere un obbligo di legge, costituisce un’azione fondamentale per rilanciare il turismo sostenibile e di qualità di tutto il territorio del Parco. Al tempo stesso, eliminare gli abusi, significa sostenere quei privati che svolgono le proprie attività nel rispetto della legge e delle regole edilizie.

Nelle prossime settimane proseguiranno le attività di demolizione di altri abusi edilizi con l’acquisizione dei terreni sui quali sono stati realizzati. “Demolire un abuso edilizio nel Parco non significa dunque penalizzare qualcuno o limitare le attività imprenditoriali dell’Area Protetta - ha dichiarato il Vicepresidente del Parco Augusto Barile - ma anzi costituisce elemento importantissimo per lo sviluppo delle attività svolte dagli albergatori, dalle guide escursionistiche e di tutti gli imprenditori che hanno scommesso, sull’esistenza del Parco e sul turismo sostenibile e di qualità”.

Commenti
    Tags:
    pescasserolidemolitademolizioneabusiviabuso edilizioaddioparco nazionale d'abruzzoabruzzolaziomolise




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    i più visti
    i blog di affari
    Milano. Alla Pesa Pubblica di via Melzo “Tra sacro e profano” di Alfredo Romìo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Salvini incompreso. La vignetta di Affari
    Il Cantiere storico Ernesto Riva presenta la vaporina elettrica Elettra
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.