A- A+
Roma
Piazza Navona, il bagno del senzatetto ucraino nella fontana del Nettuno

Fontane romane nel degrado: un senzatetto fa il bagno nella vasca del Nettuno a piazza Navona.

 

Un vagabondo ucraino di circa 30 anni è stato fermato per aver fatto il bagno all'alba di martedì 22 agosto in una delle vasche storiche di piazza Navona. Dopo le due turiste colte in flagrante nel weekend arriva l'ennesimo atto di degrado contro i monumenti storici della Capitale. L'uomo è stato condotto presso il Centro di foto-segnalamento per l'identificazione. Ulteriori accertamenti sono in corso.

Tags:
bagnofontanapiazza navonaalbasenzatettoucrainofontana del nettunoromadegradomonumenti




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Mafia Capitale: “Soldi e favori a Buzzi, Alemanno restituisca 50mila euro”

Mafia Capitale: “Soldi e favori a Buzzi, Alemanno restituisca 50mila euro”

i più visti
i blog di affari
Cosa mangia Valentino Rossi
di Anna Capuano
Killfie: suicidi da foto. Nel 2018 259 vittime da "selfie della gleba"
di Diego Fusaro
Guido Grimaldi. Movimentazione delle merci: azione combinata strada/mare/ferro
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.