A- A+
Roma
Piazza Vittorio, così si "faceva mercato". Dalle grida alla babele: la fame dei romani

di Patrizio J. Macci

C'era una volta a Roma il Mercato all'aperto di Piazza Vittorio, nel cuore del quartiere Esquilino delimitato da forme geometriche sabaude, l'unico a Roma ad ospitare una piazza con portici imponenti. Era un mercato disposto intorno all'agorà in maniera circolare, con i banchi su due che esponevano le loro merci. Aveva una storia antica come Roma; era nato spontaneamente nel primo decennio del Novecento in un quartiere con una spiccata vocazione commerciale. Un luogo di vendita con una spiccata impronta teatrale, i banditori sopratutto quelli di frutta e ortaggi erano soliti urlare per attirare l'attenzione dei clienti. Un "suk" alla romana dove si poteva spuntare il prezzo più basso dopo trattative all'ultimo sangue. Qui si aggirava uno dei personaggi di Carlo Emilio Gadda del "Pasticciaccio" o forse Gadda stesso in cerca di ispirazione per i neologismi da inserire nei suoi libri.
Per motivi urbanistici, sanitari e di viabilità, all'inizio degli anni Novanta è cominciata la delocalizzazione all'interno di una caserma in disuso. Ci sono voluti dieci anni di lotte, petizioni, riunioni, dispute per arrivare al 2001 quando il trasferimento è stato ultimato. Nel frattempo aveva mutato anche il genere di merci che venivano sdoganate: alla frutta avevano cominciato a unirsi cibi, spezie, e ortaggi provenienti dalle località più disparate del mondo. La vicenda umana di questo luogo e delle persone che lo affollano, perdigiorno, spicciafaccende, persone che non sanno come sbarcare il lunario e si inventano una professione dalla mattina alla sera è rappresentato in maniera magistrale nel volume di Emilia Martinelli e Angela Rossi "Al di là dei frutti" pubblicato da Iacobelli Editore. Un volume "sensoriale" che attraverso l'evocazione delle merci che si possono trovare nel mercato, delle fotografie e di alcune preziose e accurate ricette culinarie, racconta un universo che è riuscito a ricontestualizzarsi senza entrare in urto con il tessutto connettivo della Capitale.
Il mercato è diventato uno spazio globale, una babele di lingue e di esperienze, aperto a persone ed esperienze provenienti da ogni parte del mondo senza esclusione, affollato di merci ma soprattutto di esseri umani che danno un senso al traffico economico. A unire i fili di questa rete ci sono gli operatori sociali e le organizzazioni di volontari che tessono trame tra i banchi incessantemente.
Il volume è impreziosito da una gemma, un racconto di Erri De Luca sulla fame e i suoi effetti, una perla in prosa su cosa significa non avere nulla di che sfamarsi e il non poter chiedere a un "prossimo" che sembra essere scomparso.

Tags:
piazza vittoriomercatoemilia martinelliangelo rossipatrizio j. maccieditoria

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Economia e management secondo Corsera e Bocconi. Una nuova collana editoriale
di Paolo Brambilla - Trendiest
La verità dietro il caso Casalino-Mef
di Angelo Maria Perrino
Giancarlo Prandelli a Pisacane Arte. "Mani in Pasta" gli dedica ... una pizza
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.