A- A+
Roma
Più armi, più sangue. Di Bartolomei jr, il libro sulla paura degli italiani

di Patrizio J. Macci

Più armi in circolazione nel Paese significano solo più sangue. Eppure un numero crescente di persone vuole avere la possibilità di difendersi da sola.

Lo racconta numeri alla mano Luca Di Bartolomei nel volume “Dritto al cuore” (Baldini+Castoldi), un saggio agile e documentato dove a farla da padrone sono i numeri e la parte legislativa. Di Bartolomei scrive “a carte scoperte” partendo dal suo vissuto, la tragedia familiare del padre che alzò le mani su di sé nel 1994 con una pistola detenuta in casa per difesa personale.In tutti i Paesi in cui le armi da fuoco sono più facilmente accessibili alle persone accadono più incidenti, ci sono più omicidi e il tasso di criminalità non è assolutamente basso. Al contrario le statistiche fanno venire i brividi.

La percentuale di omicidi in Italia è tra le più basse d’Europa. Il numero medio dei delitti avvenuti tra gli anni ‘70 e il primo quinquennio degli Ottanta è stato di 2014 persone uccise ogni anno. Nel 2016 il numero è sceso a 397 e sono stati 319 tra il 31 luglio 2017 e il 1°agosto 2018. I reati che creano maggiore allarme sociale sono in calo, E l’aumento degli immigrati non ha portato con sé alcun incremento di reati. Però continuiamo ad avere sempre più paura. C’è uno spread tra il dato della "percezione" e quello dei "fatti" questo è il cuore dell’analisi dell’autore.

Un fucile o una pistola appese al muro o riposta in un cassetto prima o poi sparerà. La convinzione che si possa dormire sonni più tranquilli con un’arma sul comodino è illusoria. Un’arma non è mai neutra, la prima bugia da smascherare è quella secondo la quale tutto dipende dall’uso che se ne fa. Se così fosse dovremmo avere revolver in grado di affettare la mortadella, cosa impossibile naturalmente perché l’unico scopo di un’arma è quella di offendere, immobilizzare, uccidere. 

Questo è il primo dato che balza agli occhi, in tutti i Paesi nei quali la circolazione delle armi è libera i suicidi con arma da fuoco per stati depressivi hanno un’incidenza statistica maggiore. Non è quindi un vano esercizio retorico ragionare su che cosa sarebbe potuto accadere se quell’arma non fosse stata in casa Di Bartolomei quel giorno “maledetto”.La risposta dello Stato alla paura crescente dei cittadini con la nuova legge che ha allargato il concetto di legittima difesa sembra essere: “armatevi che fuori c’è un mondo pericoloso”. L’allargamento dei limiti della legittima difesa, la dilatazione del principio di proporzionalità, consentendo un più facile accesso alle armi e lasciando alla percezione dei cittadini la sicurezza, potrebbe trasformare lentamente le nostre strade in un far west dove una semplice minaccia verbale, o la sottrazione di un bene, potrebbe essere sufficiente per indurre un soggetto armato a reagire sparando. Maneggiare un’arma è un’attività stressante che richiede preparazione psicologica e fisica.

Non ultimo il 30% dei femminicidi è commesso da individui che posseggono un’arma legalmente detenuta.La paura ci rende pazzi come recita l’esergo di Papa Bergoglio posto all’inizio del volume dall’autore: armarsi significa accettare una risposta sbagliata da parte di una Politica miope che soffia sul fuoco per incassare voti.

Commenti
    Tags:
    armidelittieditoriapatrizio j. macciluca di bartolomeisicurezzareatilegittima difesacriminalità




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    Sole bollente e caldo africano: allarme tintarella, rischio tumori alla pelle

    i più visti
    i blog di affari
    Milano. Alla Pesa Pubblica di via Melzo “Tra sacro e profano” di Alfredo Romìo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Salvini incompreso. La vignetta di Affari
    Il Cantiere storico Ernesto Riva presenta la vaporina elettrica Elettra
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.