A- A+
Roma

Giovanni (il nome è di fantasia), è un compagno di infanzia che avevo smarrito. Dopo decenni di silenzio reciproco, mi ha rintracciato tramite facebook. In maniera subdola e astuta ha carpito il mio numero telefonico, e quando è nei guai mi telefona a qualsiasi ora del giorno e della notte.
La sua vita fino ad oggi è stata un'odissea. Giovanni è sfrattato (in attesa di esecuzione da otto anni), separato (due matrimoni fragorosamente andati in malora) con sei figli, e protestato. Eppure deve avere un suo particolare nume tutelare. Una divinità, bizzarra e ironica che lo sostiene. La sua capacità di mettersi nei guai è una costante temporale, così come quella di uscire sempre indenne.
Giovanni vive oltre il codice penale, in un suo mondo border line che io pensavo essere piccolo e invece si rivela in crescita continua. Quasi una volta al mese mi chiama esordendo con un laconico "Dotto'...", perché per lui questo titolo è sinonimo della professione di avvocato, anche se io gli ho spiegato che non sono laureato e tantomeno un legale. Giovanni si esprime in un romano strascicato, a metà strada tra Tomas Milian e Trilussa. Ultimamente ne avevo perso nuovamente le tracce, lo pensavo indaffarato nei suoi quattro lavori che economicamente non arrivano neanche a mezzo, quando il mio cellulare tre giorni fa ha squillato. Erano le undici di sera passate: "Dotto' c'ho un problema, ho intruppato co' la macchina: 'na botta! Giu' dopo er Verano, hai presente?" Mbè ero senza assicurazione, so' sei mesi che nun la pago!"
Io: "Spero che finalmente ti abbiano sequestrato il mezzo. E' un reato penale. Sei un pericolo pubblico". Lui: "Sta bbono dotto'. Adesso te racconto. Insomma, io jo dato giusto 'na bottarella a questo co 'sto machinone, come se dice un suv. Se apre lo sportello e scenne un colosso in canotta nera nera e ciavatte, co' un tatuaggio sur braccio co' scritto "Non perdono e non dimentico". Ho pensato: adesso me svita la capoccia. Allora me butto in avanti e je dico" A Fra', so' momenti brutti, c'ho er titolo assicurativo che è un attimo scaduto ma domani lo rinnovo e sistemamo tutto. Che me denunci?" Questo allora me guarda, io penso: adesso imbruttisce e me gonfia. Invece allarga un sorriso che je se vedono i molari e me fa" A bello, m'hai fatto prenne un corpo, chissà che me credevo!!! Allora stamo apposto tutti e due. Perché er mio de titolo è scaduto da du' anni".


Patrizio J. Macci

Tags:
assicurazioni autorcapolizze scadutecrisipatrizio j. macci




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

i più visti
i blog di affari
Collo e décolleté: tutti i segreti per contrastare i segni del tempo
di Simone Michelucci
Alberto Pezzini rilancia il turismo a Sanremo con "Futura Sanremo"
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitore 1 e genitore 2? Siamo tutti atomi unisex pansessuali e panconsumisti
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.