A- A+
Roma
Prati tagliati e spesa ai poveri. Così Mafia Capitale governa la Roma affamata

di Patrizio J. Macci

Roma non è dominata dalle mafie, ma la mafia c’è. Il primo problema che rende impossibile l’assoggettamento a una sola organizzazione è quello della dimensione: l’area che occupa Roma Capitale, sulla quale risiedono tre milioni di persone, è maggiore della sommatoria di quella di tutte le altre nove più grandi città italiane.

Questa la chiave di lettura della presentazione del volume “Modelli Criminali – Mafie di ieri e di oggi” (Laterza Editore) firmato da Raffaele Pignatone Procuratore Capo della Repubblica e da Michele Prestipino Procuratore aggiunto. Ma a spiccare durante la serata è stata l’analisi di Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di S. Egidio, uno che Roma l’ha davvero percorsa a piedi attentamente e l’ha vista cambiare dagli anni delle periferie di Pasolini fino al Litorale dominato dai clan Fasciani e Spada ai palazzoni di Tor Bella Monaca roccaforti dello spaccio di stupefacenti.

“In questo momento storico” ha sottolineato Riccardi “le periferie soffrono la mancanza di luoghi di aggregazione, l’assenza dei corpi (sociali) intermedi (sedi di partito non più esistenti) le parrocchie che non riescono più a svolgere il proprio ruolo, i comitati di quartiere dove ci si riuniva per il confronto e dove spesso poi interveniva il politico che raccoglieva il malessere e se ne faceva interprete e, nei limiti del possibile, cercava soluzioni. Ora i cittadini si rivolgono ai criminali anche per risolvere i problemi della quotidianità amplificati dalla crisi economica”.

L'INTERCETTAZIONE
Le sue parole trovano la conferma in un episodio riportato nel testo che vale più di una sentenza. Durante una telefonata un narcotrafficante così si esprime parlando di un certo Bruno che gestisce una piazza di spaccio nella periferia sud di Roma.

“Sai ora Bruno è diventato intelligente. Lo sai che fa? Sotto i portoni dove vende la roba chiama quelli per pulire... gli fa pulire i prati... gli sta rifacendo i prati sotto casa della gente... qua, dice, la gente mi deve volere bene altrimenti qui mi mandano “bevuto”. Ho comprato i fiori, la gente è contenta. (…) fa la spesa a quelli che non hanno i soldi per mangiare. Ammucchia le buste del supermercato e poi le divide: una a questa una a quello. La gente ti deve volere bene dove vendi la roba”.

Roma è “città aperta” (purtroppo) per le organizzazioni mafiose, che sembrano conviverci, riconoscendosi reciprocamente, per non perdere alcuna delle potenzialità che la città può offrire. I morti per strada non servono a nessuno, il crimine ha bisogno di una zona franca per il riciclaggio e il traffico di stupefacenti, per qualsiasi altra attività idonea a produrre ricchezza e per reinvestire e riciclare quella illecitamente guadagnata altrove.

libro pignatone prestipino
 

Un episodio raccontato a chiusura dell'incontro scolpisce la diffidenza che sottolineava la possibilità che a Roma ci fosse la mafia. Il giorno precedente all’emissione degli avvisi di garanzia e agli arresti i due magistrati al cospetto di un intellettuale di chiara fama si sentirono dire: “La Mafia a Roma è impossibile che esista, è una questione di dna. Casomai un po’ di corruzione ma quella c’è sempre stata.” La fine, anzi la sentenza, è nota.

Commenti
    Tags:
    praticriminaliromacrisi economicaprestitpinopignatonericcardimalavitamafia capitalepatrizio j. maccisant'egidio




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    i più visti
    i blog di affari
    Governo, ma quale Fico? Cinquestelle compatti e fermi su un Conte Bis
    di Angelo Maria Perrino
    Business Roundtable promuove negli Usa una nuova visione aziendale
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Alternanza sinistra fucsia-destra, Conte rassicura i manichini della finanza
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.