A- A+
Roma
Processo rifiuti, “satana” Cerroni affronta i giudici. Verità e accuse: show

di Valentina Renzopaoli


Rifiuti, Manlio Cerroni pronto a scendere nell'arena. A quasi tre anni dall'inizio del processo sulla gestione dei rifiuti a Roma e nel Lazio, è finalmente arrivato il momento del Supremo, impaziente di dire la sua sulla maxi inchiesta che lo ha travolto. E' mercoledì 11 maggio: inizia l'esame fiume che si protrarrà per almeno un paio di udienze.


L'ex re della monnezza è accusato insieme ad altri sei imputati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di rifiuti e truffa ai danni dei Comuni.
Chi lo conosce sa bene che Cerroni coglierà l'occasione per togliersi più di qualche sassolino dalla scarpa. I legali che lo seguono, il professor Bruno Assumma e l'avvocato Alessandro Diddi, hanno preparato con lui una scaletta di argomenti da trattare, per tentare di arginare l'energia dirompente dell'ormai ultra novantenne. Ma tutti si attendono veri e propri fuochi d'artificio.

Il processo che negli ultimi mesi è scivolato nella noia, tornerà nell'aula delle grandi occasioni di piazzale Clodio, la Vittorio Occorsio. E forse si rivedranno anche i taccuini dei cronisti e i rappresentanti dei comitati anti discarica ammessi come parte civile, che nel corso dei 35 mesi di processo si sono lentamente dispersi.

D'altra parte, il giudizio immediato si muove ormai da tempo alla velocità di una tartaruga. Per tentare di accelerare il ritmo, arrivati ora ad un momento cruciale, il Tribunale ha stilato un calendario di udienze che da qui al prossimo autunno prevede una ventina di appuntamenti.

Nel frattempo, il 31 marzo è stato ascoltato Giuseppe Sicignano, dipendente della società E. Giovi e coordinatore delle attività operative nell'impianto e nella discarica di Albano Laziale della Pontina Ambiente.
Il 19 aprile è salito sul banco degli imputati Francesco Rando, amministratore unico di alcune imprese riconducibili al gruppo Colari Lo storico collaboratore di Cerroni, uno degli uomini più inquisiti d'Italia, è accusato di associazione a delinquere e di truffa in particolare per quanto riguarda il filone d'inchiesta che riguarda l'impianto di Albano Laziale. Il suo esame proseguirà lo stesso 11 maggi, dopo la prima parte dedicata a Cerroni.
Dopo l'avvocato Cerroni verrà sentito Luca Fegatelli, l'ex dirigente dell’Area Rifiuti della Regione Lazio. Infine sarà la volta di Bruno Landi, ex manager della Pontina Ambiente.

Tags:
rifiutimanlio cerroniprocesso cerronimalagrottamondezzaalberto galantialessandro diddibruno assumma
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bomba clima, a Roma è emergenza: 100 mila persone rischiano di perdere la casa

Bomba clima, a Roma è emergenza: 100 mila persone rischiano di perdere la casa

i più visti
i blog di affari
TikTok, un’occasione per il commercio. Intervista a Simone Ranucci Brandimarte
di Paolo Brambilla - Trendiest
Perché tanta lentezza sui diritti dei fanciulli? Aiutiamoli a fare da soli
di Avv. Annamaria Bernardini de Pace
Presentazione del Tax&Legal di The British Chamber of Commerce for Italy

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.