A- A+
Roma
Real Bodies, rubano un dito a un cadavere: macabro souvenir della mostra

Erano già spariti peli pubici, pezzi di unghie e una scaglia di placenta: ora tra i macabri souvenir della mostra Real Bodies si aggiunge anche il dito di un piede di uno dei cadaveri esposti.

 

A lanciare l'allarme gli organizzatori della mostra scientifica del Guido Reni District. A venire vandalizzata, è stata l'opera d'arte plastinata del valore di 90 mila euro intitolata “Il Pensatore” che si trova nella sezione dedicata al sistema nervoso. Sono stati gli steward dell'allestimento romano ad accorgersi del danno provocato da uno dei visitatori durante i sopralluoghi effettuati all'ora di chiusura. Il ladro non è riuscito a portare a segno il colpo, ma ha danneggiato gravemente il cadavere esposto.

Una banda che procura e vende feticci, o una setta che pratica riti con resti di salme, ha preso di mira la nostra mostra - hanno commentano gli organizzatori della società Venice Exhibition - sono tutti ammanchi che si potevano mettere a segno senza dare troppo nell'occhio, addirittura nel caso della falange di alluce bastava solo scollare il frammento già sezionato dalla base metallica dell'opera d'arte anatomica per portarsi via un macabro souvenir. Probabilmente in quest'ultimo caso il malintenzionato è stato disturbato da qualche imprevisto o dall'arrivo di qualcuno all'interno della sala, ed ha desistito”.

Un danno che costerà alla mostra circa 7 mila euro per il restauro del Pensatore e richiederà un lungo procedimento di plastinazione per annullare gli effetti della decomposizione dei tessuti biologici del corpo umano.

Il Pensatore è uno dei 40 corpi interi conservati all'interno dell'esposizione, che avendo finalità scientifiche di divulgazione, presenta al proprio pubblico dei veri cadaveri plastinati.

Oltre agli episodi di furto, gli steward della mostra hanno dovuto fare i conti coi turisti goliardici alle prese con foto dissacratorie dei cadaveri. Tra gli altri un giovane del Pigneto che si era fatto selfie toccando i corpi e “decorandoli” col proprio cappellino da baseball.

“Quando lo abbiamo fermato aveva appena messo occhiali da sole e cappellino da baseball al corpo plastinato del ciclista e si stava divertendo davanti agli amici a farsi selfie con il cadavere conciato in quella maniera - ricordano gli organizzatori - notato da altri visitatori che hanno avvisato il personale, è stato invitato a seguire la security in reception mentre il gruppo dei suoi amici continuava la visita”.

 

Tags:
real bodiescadaverefurtosouvenirguido reni districtcorposalmasetta





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Leopolda, Renzi si prende il Lazio: Italia Viva in Regione, Zingaretti trema

Leopolda, Renzi si prende il Lazio: Italia Viva in Regione, Zingaretti trema

i più visti
i blog di affari
Milano. Eleganza e musica sono di casa al The Singer Music Restaurant
di Paolo Brambilla - Trendiest
Conte e il nuovo umanesimo: per il premier è il momento del suo partito
di Diego Fusaro
Milano Vapore. Prosegue impegno su cultura e politica con convegno e concerto
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.