A- A+
Roma
Referendum Atac rinviato in autunno. Magi: "Raggi sia imparziale"

Caos referendum, la data del voto slitta in autunno e le opposizioni si scatenano. Il segretario dei Radicali Riccardo Magi invita il sindaco Raggi all'imparzialità: "Non si è comportata da sindaco della Capitale".

 

Si deciderà in autunno il futuro del trasporto pubblio nella Capitale e non il 3 giugno, come inzialmente deciso dal Campidoglio. Un dietrofront che ha provocato l'immediata reazione dei Radicali, ideatori e promotori del referendum per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico. "La cosa che abbiamo più a cuore è che questo tempo guadagnato con lo slittamento lo si usi per fare ciò che finora non è stato fatto, ovvero un'informazione istituzionale a tutti i cittadini - dichiara Magi - Finora Raggi non si è comportata da sindaca della Capitale, ma da presidente del comitato del no, speriamo che ora informi tutti i cittadini in maniera istituzionale e imparziale".

Decisamente più netta la reazione del Pd capitolino, che, attraverso il consigliere Marco Palumbo, annuncia la convocazione straordinaria della commissione trasparanza, per fare luce sulle motivazioni della decisione grillina: "Ho dato disposizione agli uffici della commisssione consiliare trasparenza di convocare già per la prossima settimana una seduta urgente della commissione al fine di acquisire atti e documentazioni a supporto della decisione, del tutto inaspettata della sospensione del referendum - annuncia Palumbo - Peraltro la comunicazione, omessa nel corso della seduta straordinaria dell'asssemblea capitolina di martedì 24 aprile, è sopraggiunta come un fulmine a ciel sereno solo a poche ore dalla conclusione dei lavori della precedente seduta consiliare. Non si capisce a questo punto quale novità siano sopraggiunte per indurre la sindaca ad una decisione così straordinaria".

Ferma anche la condanna di Fabrizio Ghera, capogruppo in Campidoglio, e Andrea De Priamo, consigliere comunale, che denunciano il mancato dialogo tra Giunta ed opposizioni: "Il rinvio del referendum su Atac è l’ennesimo atto arbitrario della Giunta Raggi deciso unilateralmente senza alcun confronto e rispetto per l’aula consiliare che rappresenta i cittadini - si legge nella nota congiunta -A prescindere dal merito del quesito referendario, che ci vede contrari, non è possibile gestire in questo modo gli strumenti di partecipazione e i 5 stelle si confermano una volta di più la peggiore amministrazione di sempre anche su una materia quale la partecipazione che in teoria avrebbe dovuto caratterizzarli".

Tags:
atacreferendumriviotrasporto pubblicoradicalimagiraggim5scampidoglioroma


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

A Roma circolano anche i bus distrutti. Lo certifica il Comune in una gara

A Roma circolano anche i bus distrutti. Lo certifica il Comune in una gara

i più visti
i blog di affari
Giornalisti. Paolo Perucchini confermato presidente dell'Associazione Lombarda
di Paolo Brambilla - Trendiest
Cesare Battisti, spettacolarizzazione stucchevole da parte del circo mediatico
di Diego Fusaro
“Disabilità e lavoro sono un binomio possibile”
di Erminia Donadio

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.