A- A+
Roma
Regione Lazio, finché c’è poltrona c’è speranza. Zar Nicola superstar

di Fabio Carosi

Democrazia, politica, maggioranza, cambio di casacca, tradimento, Lega, Centrodestra Cinque Stelle e Gruppo Misto. Nicola Zingaretti è la vera star estiva degli enti locali. È riuscito dove per decenni gli orfani della Prima Repubblica hanno fallito e cioè: governare senza una maggioranza.

 

L'operazione “così ti cancello l'opposizione” l'ha chiamata “patto d'aula”, una specie di accordo scellerato nel quale è bastato distribuire due caramelle come farebbe un maniaco seriale al parco giochi della Regione Lazio, per arruolare senza busta paga due politici confusi come Pino Cangemi ed Enrico Cavallari. Due uomini di Destra che ora voteranno a sinistra, tenendo in piedi Nicola Zingaretti che ha dribblato così Sergio Pirozzi al quale si può chiedere tutto tranne che essere incoerente e la Roberta Lombardi che ancora non ha capito cosa ci è andata a fare in via della Pisana.

Aberrazioni politiche e barbarie post elettorali trasformano il body guard della Polverini Pino Cangemi (il cronista ora si attende una telefonata di rimprovero ma nella vita di ciascuno la storia non si può cancellare, ndr) in un ottimo vicepresidente del Consiglio regione, ovvero un membro importante di quell'Ufficio di Presidenza che spende e spande e rendiconta solo a se stesso, dove conta più esserci che lavorare per garantire un'aula dove Zar Nicola con due voti in più e un timido consigliere del Pd gentiloniano che sussurra ma non fa pollice verso, fa quel che vuole.

In questo quadretto d'agosto di miseria politica regionale, rimangono due bravi ragazzi ad alzare la voce e a ricordare che il cambio di casacca, il tradimento e insomma quel teatrino messo su da Zar Nicola, sono uno schiaffo in faccia agli elettori. Antonello Aurigemma e Stefano Parisi: sù fatevene una ragione. Sino a quando il sistema elettorale, le regionarie e i partiti, porteranno alla Regione signor nessuno, competenti poco competenti e candidati in cerca di lavoro, sarà dura fare politica.

Ieri è toccato a due campioni della coerenza, l'ex leghista Cavallari e l'ex boh Cangemi. Domani toccherà il fondo della coerenza qualcun altro. Il grido che si alza alla Pisana è uno solo: finché c'è un posto da occupare, c'è speranza.

Tags:
regione laziocangemicavallarizingarettilombardipirozziparnasipoliticamaggioranzalegam5scentrodestra


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Algeria, e ora chi risarcirà Scaroni e l’Eni?
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.