A- A+
Roma
Ricatti hard, minacce dopo notte con prostitute trans: “Paga o denunciamo”

Ricatti a luci rosse dopo notte con trans. Prostitute e complici minacciavano di rivelare il "vizietto" dei clienti, adescati spesso anche in discoteca. Smantellato vero e proprio business internazionale, con 10 indagati per furto, rapina, ricettazione, riciclaggio internaizone e favoreggiamento della prostituzione.

 

Una maxi indagine partita nei mesi di dicembre 2016 e gennaio 2017 dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Roma, che hanno individuato un gruppo di transessuali che, alla prostituzione, "abbinavano" rapine e furti a discapito di clienti.
 

L’indagine, condotta tramite servizi di osservazione e pedinamento, ha permesso di documentare come attraverso la prostituzione si commettessero reati predatori anche violenti, con spregiudicatezza dovuta anche alla certezza che le vittime, che per la paura di far scoprire il proprio “vizietto” difficilmente avrebbero sporto denuncia.

Gli indagati, nel corso delle telefonate intercettate, parlano con assoluta naturalezza della loro attività delinquenziale come si trattasse di una normale attività lavorativa, circostanza che denota una totale spregiudicatezza ed una elevata propensione al crimine.

Il sistema prevedeva, inoltre, alcuni fiancheggiatori, di diversa nazionalità, che accompagnavano i transessuali suoi luoghi “di lavoro”, fornivano copertura e sicurezza durante l’espletamento delle loro attività illecite, gravitando in zona con i loro veicoli, fornendo informazioni sui clienti da “agganciare” (possessori di orologi ed oggetti d’oro di valore oppure individui ubriachi o in età avanzata, facilmente predabili per le loro condizioni psicofisiche), eventuale presenza delle forze dell’ordine o di qualsiasi altra situazione di pericolo. Talvolta, partecipavano attivamente essi stessi alle rapine o concorrevano nell’occultare il bottino, spesso facendosi retribuire per il loro appoggio con prestazioni sessuali.

Perfettamente rodato anche il meccanismo di ricettazione e riciclaggio internazionale, messo in atto da indagati algerini che promuovevano viaggi periodici (quasi a cadenza bisettimanale), utilizzando l'aereo, finalizzati al trasporto nel loro Paese d’origine di ingenti carichi di merce elettronica (tablet, Iphone, cellulari, smartphone, computer, notebook,  laptop di ultima generazione etc.). Lì venivano “sbloccati” per essere reimmessi nel mercato come “nuovi”, ricavando così utili facile, organizzando di fatto in nord Africa un invidiabile discount di elettronica.

 

Commenti
    Tags:
    ricattohardluci rossetransminaccerapinaroma




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    i più visti
    i blog di affari
    Governo, ma quale Fico? Cinquestelle compatti e fermi su un Conte Bis
    di Angelo Maria Perrino
    Business Roundtable promuove negli Usa una nuova visione aziendale
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Alternanza sinistra fucsia-destra, Conte rassicura i manichini della finanza
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.