A- A+
Roma
Rifiuti, Abruzzo: “Disponibili a 3 mesi di accoglimento”, ma Ama non risponde

Il governatore dell'Abruzzo Luciano D'Alfonso ha ribadito la disponibilità della regione a smaltire una parte dei rifiuti in eccedenza a Roma, ma denuncia: “L'Ama non ci dà risposte”.

 

La municipalizzata dei rifiuti della Capitale latita, mentre la regione Abruzzo dall'8 gennaio aspetta un report riguardo all'emergenza romana della “monnezza”. Come anticipato martedì 9 gennaio, D'Alfonso ha chiarito in un'intervista a InBlu Radio che in Abruzzo sono pronti ad accogliere i rifiuti romani, ma che prima servono risposte.

Sul suo profilo Facebook aveva infatti rimarcato di aver scritto al sindaco di Roma Virginia Raggi, alla Regione Lazio e ad Ama per chiedere quale fosse il quantitativo di “monnezza” da smaltire e quali le tempistiche necessarie ad esaurire o almeno limitare la crisi.

“Sulla domanda di conferimento di rifiuti indifferenziati noi siamo orientati a dare tre mesi di accoglimento – ha chiarito D'Alfonso mercoledì 10 gennaio - Dallo stato attuale dei documenti mi risulta che c'è una richiesta da parte dell'Ama, l'azienda municipale di Roma, e a fronte di questa ho fatto partire l'8 di gennaio una richiesta di dati riguardante quattro elementi: quali sono le quantità, qual è il lasso di tempo per il quale serve questa prova di naturale collaborazione istituzionale, qual è il ritmo dei trasporti quotidiani ad opera dei camion perché mi va impattare sulla viabilità minore e infine qual è la spinta riorganizzativa del ciclo dei rifiuti a Roma per cercare di capire quanto può durare la loro questione e la nostra solidarietà”, ha dichiarato il governatore dell'Abruzzo.

“Noi abbiamo premura nell'aiutare la Capitale perché non è soltanto una grande città con straordinari cittadini ma è la parte più importante della locazione turistica e culturale dell'Italia. Noi domani abbiamo la Giunta regionale e per domani (11 gennaio ndr) mi aspetto che arrivino questi elementi semplici. Al momento non abbiamo assolutamente avuto risposte. Questa mattina ci sono dei contatti tra le strutture tecniche per consentire quella che nell'attività amministrativa si chiama istruttoria”.

D'Alfonso si è detto disponibile a contattare lui stesso i vertici di Ama per avere i documenti richiesti: “Abbiamo 250 mila tonnellate – ha concluso - di capacità di accoglimento in più rispetto a quelle che sono le nostre esigenze. Ma dobbiamo sapere anche qual è il fabbisogno e come si sta riorganizzando il ciclo di rifiuti. Noi domani abbiamo la seduta della Giunta convocata e domani saremo nella condizione di poter prendere una decisione”.

 

Tags:
rifiutimonnezzaromacapitaleregione lazioregione abruzzoluciano d'alfonsovirginia raggiamarisposteaccoglimento3 mesicrisiemergenzasmaltimentodiscariche




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Disastro Atac: “Distrutta dalla politica”. L'accusa di Allegra, ex ad Trambus

Disastro Atac: “Distrutta dalla politica”. L'accusa di Allegra, ex ad Trambus

i più visti
i blog di affari
"Merkel-Macron, principi feriti dell'Ue". Repubblica sempre fedele ai potenti
di Diego Fusaro
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.