A- A+
Roma
Rifiuti e bus, Roma è la città dei roghi. Ma dalla Raggi zero reali soluzioni
Foto da Romafaschifo

di Federico Bosi

Rifiuti e bus a fuoco, l'annus horribilis di Roma. I bilanci 2019 sui roghi di Ama ed Atac eleggono la Capitale come la città dei roghi, una città dove quasi una volta al giorno i vigili del fuoco devono intervenire per spegnere o un cassonetto o un autobus. Ma il sindaco Raggi si limita a proclami social dimenticandosi di annunciare reali soluzioni.

 

Oltre 350 cassonetti Ama a fuoco e 29 bus di Atac e Roma Tpl. Succede a Roma, nel 2019. Una città in piena emergenza rifiuti e trasporti. Solo nell'ultima settimana, cassonetti bruciati a Prati, Cinecittà, Tufello, Portonaccio, Balduina e Don Bosco. A divulgare il triste bilancio su cassonetti “flambé” è proprio l'Ama, che in una nota scrive: “Dall’inizio del 2019 ad oggi sono stati oltre 350 i cassonetti stradali Ama da 2.400 litri bruciati e resi non fruibili, con punte di oltre 130 in VII municipio. Nel 2018 erano stati oltre 500 i contenitori stradali dati alle fiamme con un danno stimato per il ripristino di cassonetti fruibili in sostituzione pari a oltre 250 mila euro”.

Quale è stata la soluzione del sindaco Raggi ai dati shoccanti di Ama? Nessuna. Anzi, no. C'è stato il solito post su Facebook, in cui Raggi ripropone la notizia, la commenta e poi il nulla: “A pochi giorni dagli episodi avvenuti nel Municipio IV, oggi torno a parlarvi di un altro attacco, stavolta nel Municipio VII: cassonetti e automobili dati alle fiamme. Questi criminali pensano di intimidirci ma noi non ci spaventiamo e non arretriamo di un millimetro”. Raggi pianta i piedi, non arretra, ma non è di certo così che si eviteranno nuovi roghi di cassonetti.

“Voglio che sia chiaro – continua il sindaco di Roma – che atti di questo tipo non danneggiano solo l'Amministrazione, ma i cittadini onesti che loro malgrado devono assistere a episodi simili. Il danno è collettivo e tocca tutti. Dall'inizio del 2019 a oggi sono stati bruciati più di 350 cassonetti Ama e nel 2018 erano stati oltre 500. Sono numeri sconcertanti a cui rispondiamo con l'immediata pulizia della strada e la sostituzione dei cassonetti distrutti. Stiamo inoltre intensificando il controllo nelle periferie: sono in arrivo 325 nuovi agenti della Polizia Locale che si aggiungeranno ai 1.000 che abbiamo già assunto”. Raggi prova a sanare la cosa con un “contentino”, l'annuncio di nuovi vigili nelle periferie, senza però dire quando. Tra una settimana? Tra un mese? Tra un anno? Nessuno lo sa. Quel che è sicuro che 325 nuovi vigili non è la soluzione per stroncare la moda di dar fuoco ai cassonetti, salvo che questi non vengano “messi in strada” ed h24 alla sorveglianza dei secchioni.

Per non essere da meno, anche i bus romani amano incendiarsi. Questa volta però non è per opera di piromani, ma a causa della scarsa o assente manutenzione dei mezzi del trasporto pubblico romano. Anche qui, negli ultimi quattro giorni tre “flambus”: venerdì è toccato ad un bus Atac che rientrava nel deposito di Tor Vergata, sabato al sabato al 555 della Roma Tpl a Nuova Ponte di Nona e domenica al 708 a Mostacciano. Tre casi che portano il bilancio 2019 a 29 autobus incendiati, sedici dei quali sono andati distrutti. Per fortuna non ci sono stati feriti ma nel corso dell'anno sono stati diversi i casi di passeggeri ed autisti rimasti intossicati o feriti.

Nessun commento e nessuna soluzione di Raggi ai flambus di questo weekend. Chi invece ne ha parlato è stato Matteo Salvini, che non intende fermare la sua avanzata verso il Campidoglio: “Ma è normale che a Roma per strada prendano fuoco i bus di linea? Tre in tre giorni, per fortuna senza vittime tra il personale Atac e i passeggeri. Ma è l'ennesima dimostrazione di una città allo sbando sommersa di rifiuti e cosparsa di voragini”. Poi ecco che il leader della Lega suggerisce anche quale sia la soluzione per dire stop ai flambus: “Raggi dimettiti, la tua incapacità è pericolosa per l'incolumità dei cittadini".

Loading...
Commenti
    Tags:
    rifiutirifiuti romaromacomune di romabus a fuocoamaatacraggicassonetti a fuocoroghi rifiuti
    Loading...







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Sesso nel letto di un motel. Sfatati i miti dell'orgasmo maschile e femminile

    Sesso nel letto di un motel. Sfatati i miti dell'orgasmo maschile e femminile

    i più visti
    i blog di affari
    M5S, se si associa ai fucsia maggiordomi del padronato sarà suicidio
    di Diego Fusaro
    Berlusconi, sessismo da bordello. E la Santelli umilia tutte le donne
    di Maurizio de Caro
    Zingaretti annuncia il programma del Centrosinistra... La vignetta di Affari

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.