A- A+
Roma
Rifiuti, "Cerroni lavorava per i romani": la sentenza riabilita re Manlio

Manlio Cerroni assolto dall'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti: il re di Malagrotta e dei rifiuti di Roma “lavorava per i romani”. Ecco le motivazioni della sentenza del 5 novembre scorso.

 

Ottantuno udienze, un esercito di avvocati tra difese e parti civili, decine di testimoni, una montagna di intercettazioni, circa 350mila, pagine e pagine di perizie legali ma alla fine non c’è mai stata una associazione a delinquere, una banda per la gestione dei rifiuti a Roma e nel Lazio. Nessun dubbio. I giudici del tribunale capitolino, I sezione penale, lo ribadiscono nelle motivazioni della sentenza d’assoluzione per Manlio Cerroni e pronunciata il 5 novembre scorso. In 182 pagine il collegio ripercorre gli oltre quattro anni di processo e ribadisce in più occasioni che a Roma e in tutta la Regione Lazio, alla fine degli anni Novanta, “l’emergenza ambientale era allora (come anche oggi) una situazione realmente e drammaticamente esistente e, per di più, risalente nel tempo”.

E se quel “fenomeno che aveva assunto un carattere endemico” non è venuto meno con la fine del Giubileo del 2000 ed ha portato al progetto di un gassificatore ad Albano Laziale, Cerroni era l’unico, alla luce della “sua conclamata capacità organizzativa, della sua consumata esperienza ultradecennale nel settore e delle dimensioni della sua azienda”, ad avere le carte in regola per fare in modo che quest’opera, “che non poteva essere ritenuta certo inutile e priva di giustificazione”, venisse realizzata su un terreno della Pontina Ambiente di sua proprietà.

“I giudici a nostro parere hanno completamente demolito l’impostazione del pubblico ministero. Teniamo a rilevare che la contestazione di traffico illecito di rifiuti è caduta. Ebbene quella accusa determinò competenza della Direzione distrettuale antimafia e giustificò gli arresti domiciliari di Manlio Cerroni”. Lo ha detto l’avvocato Alessandro Diddi, che ha guidato il collegio difensivo, con Pier Gerardo Santoro e Federica Pugliese, che ha assistito il manager. “Riguardo la fattispecie di ‘frode in pubblica fornitura’ residua un dubbio in sentenza e su questo faremo appello – ha continuato il penalista – Siamo certi comunque di far emergere l’assoluta innocenza del nostro assistito. Al 100 per cento”.

Commenti
    Tags:
    rifiutimanlio cerronimalagrottaprocesso cerronialessandro didditribunale romaemergenza rifiutirifiuti roma raggirifiuti roma newscerroni assoltomanlio cerroni assoltocerroni associazione a delinqueremalagrotta discaricamalagrotta riapre




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    i più visti
    i blog di affari
    Governo, la quadra per evitare il voto: Di Maio premier, Salvini Interni e...
    Crisi di governo. Cartoline di fine estate e di fine legislatura
    di Maurizio de Caro
    Governo giallorosso? No, giallofucsia. Pura servitù a Ue, Usa, mercati e...
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.