A- A+
Roma
Rifiuti, il Governo riapre Malagrotta. Via libera al termovalorizzatore

di Donato Robilotta*

Quattro impianti di termovalorizzazione nel Lazio, compreso quello di Malagrotta: il Governo dà il via libera, mandando in fumo la delibera regionale.

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 5-10-2016, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che riguarda il fabbisogno di incenerimento in base a quanto previsto dall’articolo 35 del Dl 133/2016, cosiddetto “sblocca Italia”, che prevede la costruzione sul territorio nazionale di altri otto impianti.

Così come aveva annunciato il Ministro Galletti, nel corso della sua audizione alla commissione ambiente del Senato, e come avevo già scritto su Affaritaliani.it del 30 settembre scorso, il decreto prevede nel Lazio oltre ai termovalorizzatori di S. Vittore, Colleferro e Malagrotta, un quarto impianto da 210mila tonnellate l'anno.

Secondo i dati del rapporto Ispra 2015 il Lazio ha una produzione di rifiuti pari a circa 3 milioni di tonnellate all’anno e la raccolta differenziata al 32,7%.
Il DPCM calcola già la raccolta differenziata al 65%, pari a 2 milioni 3mila 542 t/anno di rifiuti, per cui residuano 1milione 78mila 830 tonnellate di rifiuti indifferenziati, che trattati negli impianti di Tmb producono circa 679mila 028 tonnellate di cdr/Css.
Si aggiunge circa il 10% di scarti della raccolta differenziata da valorizzare, pari a 200mila 354 tonnellate, ed abbiamo un totale di 879mila 382 tonnellate di cdr/css che rappresenta il fabbisogno di incenerimento a livello regionale.

Il decreto prende in esame gli impianti di incenerimento attualmente in esercizio nel Lazio, due linee per ciascuno degli impianti di Colleferro e S. Vittore, per una capacità di trattamento pari a 384.480 tonnellate all’anno di Cdr/Css, e quelli autorizzati ma non in esercizio, due linee a Malagrotta e un’altra linea a S. Vittore, per altre 281.250 tonnellate.
Complessivamente la Regione tra impianti in esercizio e quelli autorizzati avrebbe una capacità complessiva di incenerimento pari a 665.650 tonnellate all’anno.
Quindi c’è un deficit di 213mila 652 tonnellate, per questo il decreto prevede oltre all’impianto di Malagrotta anche la costruzione di un quarto impianto da 210mila tonnellate.

Questo significa che la delibera di giunta regionale, la n. 199 del 2016, sul fabbisogno regionale, scritta in fetta e furia e inviata in fase di Vas al Ministero dell’Ambiente per confutare i calcoli previsti dallo schema di decreto, non ha sortito alcun effetto.
Ora Zingaretti e la Raggi avranno più difficoltà a dire un “no” tutto ideologico al termovalorizzatore perché, come ha ben spiegato il Ministro Galletti, è vero che “la previsione del DPCM è cognitiva, ma diventa cogente se il piano regionale non viene aggiornato prevedendo soluzioni alternative” che stiano in piedi e che siano credibili e fattive.

Avendo il Ministro dichiarato che il totale della quantità di rifiuti trattati che può essere portato ancora in discarica non può essere superiore al 10% mi pare evidente che l’alternativa al termovalorizzatore non può essere l’allargamento di tutte le discariche o l’individuazione di nuovi siti per milioni di metri cubi, come pure prevede la delibera 199 della Regione.

* già Consigliere Regionale

 

IN ALLEGATO Il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri

 
 
 
Tags:
rifiutimalagrottatermovalorizzatorecolleferrosan vittoretermovalizzatore albanomatteo renzinicola zingarettivirginia raggimanlio cerroni



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Labrador, Golden e Terranova follia: ecco il segreto dei cani che salvano vite

Labrador, Golden e Terranova follia: ecco il segreto dei cani che salvano vite

i più visti
i blog di affari
Berlusconi, sindrome di Stoccolma verso i suoi aguzzini Ue?
di Diego Fusaro
2° edizione "Il sacro perduto" de "i tre obsoleti"
Natale? Bastano 5 mosse per essere perfetta
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.