A- A+
Roma
Rifiuti, processo Cerroni, dopo 42 mesi il pm Galanti vuole nuove prove

di Valentina Renzopaoli

Processo Cerroni in dirittura d'arrivo, forse. Dopo quasi tre anni e mezzo l'”immediato” sulla gestione dei rifiuti di Roma e provincia, sembra essere quasi arrivato al capolinea.

 

L'istruttoria dibattimentale si è conclusa con l'esame dell'ex sindaco Francesco Rurtelli,  l'ultimo dei testimoni chiamati dalla difesa del patron di Malagrotta accusato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di rifiuti.
A questo punto rimangono le arringhe con le motivazioni delle parti ed entro un paio di mesi al massimo si giungerà a sentenza. A meno che, il Tribunale presieduto da Giuseppe Mezzofiore, non accolga la richieste del pm Alberto Galanti che, nell'ultima udienza, ha sollecitato i poteri della Corte chiedendo di integrare l'istruttoria dibattimentale con nuove prove.
In questo caso, il procedimento si riaprirebbe, le difese potrebbero richiedere l'esame di testimoni a cui avevano rinunciato e l'orizzonte temporale sarebbe di nuovo infinito.
Il prossimo 14 novembre si saprà il destino, se si potrà tirare la linea o si dovranno riaffilare le armi.
Armi rimesse già nel fodero, visto che i legali dei sette imputati, sembrano essere più che soddisfatti del dibattimento. L'ultimo punto incassato, quello dell'ex sindaco Francesco Rutelli, primo cittadino di Roma dal 1993 al 2001.

“Non abbiamo mai ricevuto da Cerroni nessun tipo di pressioni, nessun tipo di ostacoli, anche perché era chiaro che c'era un privato che gestiva da decenni gli impianti e c'era una regia pubblica che aveva l'interesse di ridefinire la strategia dal lato dell'interesse generale. Mai nessun tipo di interferenza nel modo più assoluto”, ha detto Rutelli dal banco dei testimoni.

Rutelli ha spiegato: “Durante il mio mandato la situazione dei rifiuti era sotto controllo. A Roma la politica dei rifiuti era stata una politica senza problemi, perché all'inizio degli anni '70 è iniziata l'attività di discarica di Malagrotta. Era considerata una specie di gigantesco buco nel quale conferire tutto ciò che veniva raccolto, una sorta di scarico di responsabilità delle amministrazioni pubbliche”.
Poi ha continuato: “Quello che noi cercammo di fare fu di restituire una regia pubblica alla regia dei rifiuti. Approvammo un documento programmatico che riguardava la possibilità di fare investimenti in base all risorse rese disponibili dal parte di Governo e Regione. Il monopolio era stato un monopolio di fatto perché nel momento in cui le istituzioni avevano stabilito un accordo per una discarica di dimensione di quasi 200 ettari, è evidente che in termini strategici per la città il problema rifiuti quasi non si poneva. Così abbiamo dato il via ad una serie di impianti pubblici che permettessero di uscire da una dinamica rassicurante a non di prospettiva eterna”.

“Cerroni osteggiò questa linea programmatica?” hanno chiesto i due legali, l'avvocato Alessandro Diddi e Bruno Assumma. Rutelli ha risposto: “Cerroni come avrebbe potuto osteggiarla... alla domanda rispondo no, la regia era pubblica ma c'era collaborazione con i soggetti privati e anche con il concessionario e monopolista”.

Poi la palla è passata la pm Alberto Galanti: “Durante i suo mandati non ci sono state segnalazioni, esposti o lamentale dei comitati di quartiere intorno all'area di Malagrotta?”, domanda il pm.
Certo che ci sono state. Senta, se lei guarda le foto aeree di quando il buco di Malagrotta è stato realizzato, lì intorno c'erano le pecore, i quartieri abusivi costruiti lì intorno sono nati successivamente e anche alcuni programma di sviluppo urbanistico sono stati costruiti dopo. Quelle case sono arrivate dopo”.

Durante l'esame rispunta anche il nome di Mario Di Carlo. “Mario Di Carlo, è stato un valentissimo collaboratore, una persona integerrima, morto troppo giovane e con qualche sofferenza di troppo. Figlio di uno spazzino, è stato l'amministratore dell'Ama ed era molto orgoglioso di questo ruolo, dirigente di Legambiente, è stato degli ambientalisti provetti”. E sulle dichiarazioni rilasciata a Report sul suo rapporto con Cerroni: “Sono certo che all'origine della malattia di Di Carlo c'è stata la sofferenza di essere entrato con superficialità a fare quel tipo di dichiarazioni, tra l'altro carpite a sua insaputa. Sì credo che questo sia stato l'origine di una sofferenza molto profonda che ha portato alla malattia”.

Tags:
rifiutiprocesso cerronimanlio cerronipatron malagrottaalberto galantidiscarica malagrottafrancesco rutelli
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

i più visti
i blog di affari
Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
di Diego Fusaro
Bookcity Milano/ Intervista a Maria Borio: “La poesia sta nella trasparenza”
di Ernesto Vergani
Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.