A- A+
Roma
Rivoluzione libri: copertina a vista. Così Conticelli è passato alla storia

di Patrizio J. Macci

Carlo Conticelli il libraio delle Feltrinelli scomparso all'età di 85 anni, è stato molto di più di un direttore libreria e di un operatore culturale per generazioni di studenti, lettori avidi della Capitale.

In comune con il suo editore Giangiacomo Feltrinelli ha avuto per primo il genio di un'idea semplice ma rivoluzionaria: disporre i libri con la copertina messa "a vista" e non più di costa. Feltrinelli era la mente e Conticelli il suo braccio operativo.  Fu lui insieme a Feltrinelli a concepire, promuovere e dirigere le librerie romane della catena nelle quale non ci fosse più alcuna barriera fisica a intimorire il cliente. Da quel momento il lettore poteva sfogliare i volumi, consultarli a proprio piacimento lasciarli in disordine.

Era il 1962 e Giangiacomo Feltrinelli capì che quel ragazzo con i baffoni aveva energia e cultura per concorrere a mutare definitivamente il mondo dell'offerta editoriale in Italia. Fu la prima grande ventata di novità che avrebbe mutato per sempre il mondo dei libri in Italia. Feltrinelli lo aveva spedito a dirigere la quarta delle librerie Feltrinelli in Italia e la prima a Roma a via del Babuino nel 1964. Quel ragazzo con un passato di fattorino a Firenze lo aveva colpito. Il clima intellettuale che contrassegnava tutto il quartiere era un vulcano in ebollizione. “Uno spazio culturale in continuo movimento, voluto proprio lì dallo stesso Giangiacomo - ha raccontato Inge Feltrinelli - un work in progress, un palcoscenico teatrale dove si mescolavano gli scrittori del Gruppo 63, le cravatte di Carnaby Street, che Giangiacomo comprava personalmente, e gli intellettuali della capitale, e si giocava con un jukebox”. O con un flipper.

La corte mattutina di Federico Fellini a Mirella, la bella cassiera ciociara, le visite di Marcello Mastroianni, Monica Vitti, Elsa Morante, che abitava con Alberto Moravia in via dell’Oca, quelle dei poeti come Nanni Balestrini o dei pittori di via Margutta. Ognuno veniva a informarsi e a spiare le mosse dell'altro, a capire quali erano le intenzioni. A tessere trame per i premi letterari, a fiutare quale sarebbe stato il romanzo dell'anno da come venivano disposti i libri sulle isole all'interno della libreria.
Non esistevano i computer per catalogare i libri, ogni ricerca andava fatta scrupolosamente a mano e Conticelli conosceva a memoria i riferimenti di decine di migliaia di volumi. C'era un cartellino rosa all'interno di ogni volume sul quale il libraio doveva annotare la movimentazione del volume. Lui osservava anche lo stato di consunzione della carta e ne traeva conclusioni.

Durante gli Anni di Piombo è lui a tenere testa ai focosi studenti della facoltà di sociologia di piazza della Repubblica: sostenevano che la cultura era gratis quindi "l'esproprio dei libri" andava permesso. Lui solerte riferiva all'editore che sorridendo sotto i baffoni si informava su quali fossero i libri più "rubati" dagli studenti; era un primitivo sistema di rilevamento per stilare una classifica di vendita. Una sera - raccontano le cronache - radunò tutti in pizzeria per annunciare che da quel giorno ci sarebbe stato un sistema d'allarme per ogni singolo libro. La festa era finita ma nel frattempo quegli studenti che si riempivano le tasche dei cappotti con i libri del Nuovo Politecnico dell'Einaudi, con i Saggi della Feltrinelli erano diventati docenti universitari, direttori di giornali, riempivano le colonne dei quotidiani italiani con le loro firme.

Tags:
librieditoriacarlo conticelligiangiacomo feltrinellivia del babuinopatrizio j. macci


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
La vignetta: quelli del Pd? Bestie rare...
Le malattie mitocondriali al Mito Day
di Mariella Colonna
La sinistra si è venduta al capitale. E con Zingaretti non cambia nulla
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.