A- A+
Roma
Rom scatenati denunciano Minniti e Raggi: “A Castel Romano ci lasciano morire”

Rom e Sinti denunciano il sindaco Raggi e il ministro Minniti per omissione di soccorso. Scabbia, rogna e malattie infettive nel campo nomadi di Castel Romano: esplode l'emergenza.

 

Un nuovo enorme problema colpisce il sindaco di Roma al ritorno dalle vacanze. Oltre alla crisi idrica, ai conti Atac e ai rifugiati accampati accanto all'Altare della Patria, ora dovrà pensare anche alle condizioni in cui sono stati abbandonati i Rom di Castel Romano. Ed è proprio questa l'accusa che le rivolge il legale della comunità, Marcello Zuinisi: non averci pensato prima. Omissione di soccorso, insomma, visto che a Castel Romano le malattie infettive dilagano, causando vere e proprie epidemie tra gli abitanti. Una denuncia in cui Raggi non si trova da sola, visto che anche il ministro dell'Interno Marco Minniti è ritenuto responsabile delle recenti morti nel campo Rom. Sessantatré decessi, tutti per tumore. Zuinisi descrive una situazione da crisi umanitaria conclamata: mancanza di acqua, inquinamento, liquami che sgorgano dal sottosuolo, scarafaggi e topi enormi oltre che cani randagi malati, bambini ricoperti di piaghe e impianti elettrici non a norma. Insieme alla nota stampa inviata dalla comunità c'è il video che mostra la condizione di un bambino in età scolastica, coperto di macchie rosse su tutto il corpo e con una zecca su di un braccio. Il padre del piccolo, registrando il video, ricorda alle istituzioni e ai cittadini romani che a settembre ricominciano le lezioni e che i giovani Rom, colpiti da scabbia e pulci, andranno a contagiare gli altri bambini a meno che non si intervenga prontamente.
Zuinisi sottolinea come Campidoglio e Governo abbiano entrambi ignorato le diverse missive inviate a partire dal 24 giugno in cui si descriveva la condizione di vita di Rom, Sinti e Caminanti di Castel Romano. Al campo, spiega Zuinisi, abitano ancora 1076 persone che, viste le condizioni igienico-sanitarie, sono tutte da considerarsi in pericolo di vita. La comunità Rom chiede dunque a Governo e Comune di poter essere ricollocata in un ambiente opportuno per la guarigione di bambini e anziani ammalati.
Già il 16 giugno la comunità Rom si era mossa con una prima roboante denuncia. Quella rivolta all'ex premier Matteo Renzi e all'attuale Sottosegretario Maria Elena Boschi accusati di frode europea. Secondo gli abitanti i Castel Romano, infatti, i due sarebbero responsabili della “scomparsa” del denaro ricevuto dall'Unione Europea per l'inclusione sociale di Rom, Sinti e Caminanti. Si tratta di 7 miliardi di euro che l'Italia ha ottenuto per il periodo 2014-2020 e che a detta del legale, non sono stati reinvestiti come avrebbero dovuto.

 

Tags:
romsinticaminanticastel romanocampo nomadinomadivirginia raggimarco minnitidenunciacampidogliom5sscabbiaomissione di soccorso






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Raggi, riscossa social: “M5S sotto attacco, ma non si torna al passato”

Raggi, riscossa social: “M5S sotto attacco, ma non si torna al passato”

i più visti
i blog di affari
Via della Seta, una figata per l’Italia
di Angelo Maria Perrino
LIPOFILLING, dalla chirurgia ricostruttiva a quella rigenerativa
di Mariella Colonna
Borsa Italiana. ISAGRO alla STAR Conference parla di futuro
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.