A- A+
Roma
Rom scatenati denunciano Minniti e Raggi: “A Castel Romano ci lasciano morire”

Rom e Sinti denunciano il sindaco Raggi e il ministro Minniti per omissione di soccorso. Scabbia, rogna e malattie infettive nel campo nomadi di Castel Romano: esplode l'emergenza.

 

Un nuovo enorme problema colpisce il sindaco di Roma al ritorno dalle vacanze. Oltre alla crisi idrica, ai conti Atac e ai rifugiati accampati accanto all'Altare della Patria, ora dovrà pensare anche alle condizioni in cui sono stati abbandonati i Rom di Castel Romano. Ed è proprio questa l'accusa che le rivolge il legale della comunità, Marcello Zuinisi: non averci pensato prima. Omissione di soccorso, insomma, visto che a Castel Romano le malattie infettive dilagano, causando vere e proprie epidemie tra gli abitanti. Una denuncia in cui Raggi non si trova da sola, visto che anche il ministro dell'Interno Marco Minniti è ritenuto responsabile delle recenti morti nel campo Rom. Sessantatré decessi, tutti per tumore. Zuinisi descrive una situazione da crisi umanitaria conclamata: mancanza di acqua, inquinamento, liquami che sgorgano dal sottosuolo, scarafaggi e topi enormi oltre che cani randagi malati, bambini ricoperti di piaghe e impianti elettrici non a norma. Insieme alla nota stampa inviata dalla comunità c'è il video che mostra la condizione di un bambino in età scolastica, coperto di macchie rosse su tutto il corpo e con una zecca su di un braccio. Il padre del piccolo, registrando il video, ricorda alle istituzioni e ai cittadini romani che a settembre ricominciano le lezioni e che i giovani Rom, colpiti da scabbia e pulci, andranno a contagiare gli altri bambini a meno che non si intervenga prontamente.
Zuinisi sottolinea come Campidoglio e Governo abbiano entrambi ignorato le diverse missive inviate a partire dal 24 giugno in cui si descriveva la condizione di vita di Rom, Sinti e Caminanti di Castel Romano. Al campo, spiega Zuinisi, abitano ancora 1076 persone che, viste le condizioni igienico-sanitarie, sono tutte da considerarsi in pericolo di vita. La comunità Rom chiede dunque a Governo e Comune di poter essere ricollocata in un ambiente opportuno per la guarigione di bambini e anziani ammalati.
Già il 16 giugno la comunità Rom si era mossa con una prima roboante denuncia. Quella rivolta all'ex premier Matteo Renzi e all'attuale Sottosegretario Maria Elena Boschi accusati di frode europea. Secondo gli abitanti i Castel Romano, infatti, i due sarebbero responsabili della “scomparsa” del denaro ricevuto dall'Unione Europea per l'inclusione sociale di Rom, Sinti e Caminanti. Si tratta di 7 miliardi di euro che l'Italia ha ottenuto per il periodo 2014-2020 e che a detta del legale, non sono stati reinvestiti come avrebbero dovuto.

 

Tags:
romsinticaminanticastel romanocampo nomadinomadivirginia raggimarco minnitidenunciacampidogliom5sscabbiaomissione di soccorso




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

i più visti
i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.