A- A+
Roma
Roma, 5Stelle nel caos: neanche i manager milanesi bastano a governare

di Patrizio J. Macci

Manager, intelligenze e culture provenienti da esperienze milanesi per tentare di rimettere ordine nel caos della Capitale, come se dopo l'esplosione di “Mafia Capitale” si fosse preso atto improvvisamente della mancanza di risorse umane all'ombra del Colosseo in grado di “fare bene” nella gestione della cosa pubblica.

Oppure “a pensar male facendo peccato”, cosa con la quale spesso ci si indovina come disse una volta Giulio Andreotti, la mera presa d'atto che la corruzione e il malaffare venute alla luce hanno radici molto più profonde di quello che la magistratura è riuscita a scoprire. È come se fosse esploso un ordigno nucleare che ha contaminato tutto. I pozzi sono avvelenati. In questo caso, come disse Sean Connery nel film "Gli Intoccabili", se vuoi una mela sana devi prenderla fuori dal cesto cogliendola da un altro albero. L'albero delle mele di Roma in questo preciso momento si trova a Milano. Le capacità organizzative per gestire qualsiasi cosa nella Capitale sembra debbano arrivare sempre dal Nord, nello specifico da Milano.

Dalla Milano dell'Expo è arrivato a Roma il Prefetto Francesco Paolo Tronca, nominato Commissario Straordinario del Comune di Roma dopo le dimissioni del Sindaco Marino. Sempre dalla città di Sant'Ambrogio nella fattispecie dalla Luiss di Via Sarfatti proveniva il professor Marcello Minenna, nominato assessore al bilancio, al patrimonio e alle partecipate. In soldoni quello che doveva controllare i cordoni della borsa forte di un' esperienza che lo ha visto anche alla Consob. Si è dimesso per motivi non chiari dal suo incarico.
Carla Raineri, magistrato della Corte d'Appello di Milano, nominata Capo di Gabinetto del Sindaco con un stipendio record. La “dottoressa”, tra le tante dichiarazioni rilasciate, aveva sottolineato le onerose spese di trasferta per correre su e giù per lo Stivale, i pentastellati l'avevano preferita per il curriculum vitae prestigioso e il rigore del suo impegno nello sbrogliare matasse complicate come quella presente in Campidoglio. La sua nomina è durata poco più dello spazio delle polemiche che ha suscitato.
Marco Rettighieri, seppur di nascita romana, anche lui planato alla direzione generale dell'Atac dall'Expo 2015 dove è stato General Manager Constructions. Ha mollato per attriti con il Sindaco Raggi sulla gestione delle nomine interne. Sempre all'azienda dei trasporti nella veste di amministratore unico l'impegno professionale di Armando Brandolese, ingegnere, docente al Politecnico di Milano e esperto di sistemi industriali che aveva accettato per i primi dodici mesi di lavorare senza retribuzione. Le buone intenzioni non sono state premiate dai fatti: la sua esperienza non ha raggiunto i trecentossesantacinque giorni. Alessandro Solidoro, chiamato a guidare l'Ama direttamente dai ranghi dell'ordine dei commercialisti milanese. Ha preferito passare la mano per le mutate condizioni. A Milano si trova anche la sede di Casaleggio & Associati, il trust di cervelli del Movimento 5 Stelle che segue passo passo l'operato del Sindaco Raggi. Gli organi e il cervello.

Tags:
romacomune romamafia capitalemanagerraggimilanorettighieritroncamonennarainierimacci
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Vendo Roma per farci un b&b. La prossima generazione vivrà in periferia

Vendo Roma per farci un b&b. La prossima generazione vivrà in periferia

i più visti
i blog di affari
Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
di Diego Fusaro
Il progetto "Milano Città Stato" insignito dell'Ambrogino d'Oro 2019
di Paolo Brambilla - Trendiest
“Il Libraio”. Il nuovo libro dell'avvocato-scrittore sanremese Alberto Pezzini

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.