A- A+
Roma
Roma, chiuso il locale di De Pedis: fratello del boss della Magliana Renatino

Non pagava l'affitto al Comune di Roma da anni, scattano i siglli per il locale di Luciano De Pedis, fratello del defunto boss della Magliana Enrico detto "Renatino".

 

Il ristorante si trova nel complesso monumentale San Michele, di proprietà comunale. È il 2008 quando arriva il primo ordine di cessazione dell'attività,  che, grazie a un ricorso al Tar del Lazio, continua la propria attività del locale anche senza autorizzazione. Quindi il blitz degli agenti del I Gruppo della Polizia, che si sono ripresentati forti del fatto che il Tribunale amministrativo non si è mai espresso su quel ricorso ormai dichiarato estinto. Nel mirino però non solo il "San Michele", ma anche un locale di Corso Vittorio Emanuele, abilitato a laboratorio ma che vendeva abusivamente cibi e bevande.

Tags:
romachiusolocaleristorantetrasteverede pedisbossmaglianasan michele







Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Stadio Roma, nuove “bombe” in Procura: Sanvitto: ”La Raggi era stata avvisata"

Stadio Roma, nuove “bombe” in Procura: Sanvitto: ”La Raggi era stata avvisata"

i più visti
i blog di affari
Caso Siri: solo lui, dimettendosi, può risolvere il muro contro muro
di Angelo Maria Perrino
Eurosirif è in Italia con Nautilus Team. Strategie aziendali e comunicazione
Petrolio, stop import dall'Iran: i barbari di Washington decidono per l'Italia
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.