A- A+
Roma
Roma, crack rifiuti. Appello di Zingaretti all'Emilia: “Vi prego salvate Roma”

di Fabio Carosi

Cumuli di rifiuti in ogni angolo: dal “profondo” sud di Casalpalocco e Ostia sino al nord “estremo” della Bufalotta e della Cassia.

 

E a poche ore dal Capodanno 2018 la Regione Lazio alza bandiera bianca: Roma è in piena emergenza e potrà essere salvata solo se altre regioni più virtuose ospiteranno i sacchi che l'Ama non riesce a raccogliere e che i cittadini sono costretti a lasciare in strada accanto ai cassonetti che vomitano ogni genere di scarto fuoriusciuto dalle case.
A ad alzare bandiera bianca è il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che scrive urbi et orbi in perfetto stile buonista: “Abbiamo più volte sottolineato la fragilità del sistema impiantistico per la gestione dei rifiuti della Capitale. Per questo nei mesi scorsi abbiamo chiesto con forza a Roma Capitale di condividere con la Regione la necessità di dotare il ciclo di nuovi impianti. Il nostro sforzo sarà quello di cambiare radicalmente il ciclo dei rifiuti, dotando il Lazio di impianti moderni che possano ridurre al minimo le necessità di smaltimento. Ma la Capitale sta vivendo in queste ore una grande difficoltà di gestione dovuta al picco stagionale di produzione rifiuti. Per questo rivolgo uno stringente appello alle Regioni che possono fare uno sforzo e ai sindaci, in particolare dell’Emilia–Romagna, perché ci aiutino a salvare la Capitale da una difficoltà crescente. Un appello, senza arroganza, ma con gratitudine a quelle Regioni che già ci hanno mostrato solidarietà”.
Traduzione: né Zingaretti, che almeno ha avuto il buon senso di tacere, tantomeno sindaco Raggi e sudditi stellati dediti all'Ambiente e all'Ama sono riusciti ad evitare l'ennesimo spettacolo indecoroso della Capitale d'Italia soffocata dalla monnezza, ma a differenza del governo di Roma che continua a inquinare i social con piano e progetti per risolvere tra venti anni l'emergenza, la Regione Lazio scopre l'umiltà di chi non ha voluto dotare Roma di impianti per il trattamento e così si inginocchia di fronte all'ex grillino Pizzarotti che invece in Emilia Romagna il termovalorizzatore l'ha fatto realizzare.
Il resto sono chiacchiere, come quelle del Codacons che di emergenza in emergenza non ha niente di meglio da fare che invitare i romani a riempire moduli cartacei per chiedere la riduzione della tassa sui rifiuti a causa della mancata raccolta.

Tutto sommato la realtà e le responsabilità di Ignazio Marino e Nicola Zingaretti vengono così coperte: la più grande città d'Italia ha perso dalla mattina alla sera la sua discarica senza che si ponesse mano ad un ciclo di rifiuti che si basava su una buca. Il 28 dicembre del 2017, la città si arrende. É la Capitale dei rifiuti. E il Cinque Stelle sogna i rifiuti zero. La profezia di Manlio Cerroni si è avverata: Roma è nei guai seri.

Tags:
romarifiutiemergenza rifiutim5sraggiregione lazionicola zingarettiemilia romagnapizzarottitermovalorizzatore

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Twins e Giulia Nati alla Milan Fashion Week Women’s 2018
di Paolo Brambilla - Trendiest
Manovra, non Tria ma i tecnici del Mef nel mirino M5s: "Nascondono i soldi"
di Angelo Maria Perrino
Te lo do io lo spread
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.