A- A+
Roma
Roma, flop M5S: nuovo stop per le rimozioni auto. Il Tar boccia il bando

La Roma a 5 stelle resta senza servizio di rimozioni auto. Accolto il ricorso di 8 società contro il Comune, il Tar boccia l'ennesimo bando: sesto “stop” in tre anni.

 

Non ci sarà nessuna agoniata apertura delle buste, fissata per il prossimo 6 novembre, nessuna "rivoluzione" digitale a firma M5S. L'appalto da 3, 5 mln di euro come parte fissa, più diverse variabili come gli interventi, naufraga sotto i colpi del Tar del Lazio, che ha dato ragione ai ricorrenti. Il servizio resta così fermo dal 2015, dopo diversi tentativi di affidamento da Atac a bandi regolarmente sbagliati.

Ma a rendere ancora più clamorosa la beffa è quella piattaforma digitale proposta dall'amministrazione, che i giudici amministrativi hanno bollato come "violazione dei principi e delle regole dei contratti pubblici a garantire la tutela della concorrenza". Il modello ideato dal Comune torna così indietro come un boomerang, poiché, in sintesi, privilegia società informatiche mettendo, paradossalmente, in secondo piano coloro che operano strettamente nella rimozione, custodia e restituzione dei veicoli: "Con la gara in esame è prevista l’attribuzione ad un soggetto che ha competenze nel settore dell’informatica e dell’organizzazione di piattaforme gestionali, alle quali vengono parametrati i requisiti, il potere di scelta dei soggetti che devono concretamente eseguire le attività di rimozione, deposito e restituzione dei veicoli, dal punto di vista economico incidenti di gran lunga in misura maggiore, i quali figurano solo come partners commerciali - si legge nella sentenza del Tar - si rinviene un’evidente violazione dei principi e delle regole contenuti nel Codice dei Contratti Pubblici funzionali, funzionali a garantire la tutela della concorrenza, in particolare, della regola del necessario ricorso ad una gara per la loro individuazione".

La priorità della gara, secondo i giudici della Seconda Sesisone, era quindi l'individuazione di una società con competenze informatiche e di gestione, incaricate di singoli scegliere i soggetti a cui affidare l'attività vera e propria di rimozione.

 

Una situazione grottesca e un servizio fondamentale per la città ancora assente, che favorisce il fenomeno della sosta selvaggia e affossa la mobilità capitolina. E mentre il Tar boccia il modello M5S, il sindaco Raggi si lancia in "depistaggi" social più o meno voluti. "Da oggi sarà sempre più raro vedere 'carcasse' di veicoli abbandonati o incendiati nelle strade di Roma Capitale - annuncia Raggi su Facebook - È partito infatti il servizio per la rimozione di auto o moto lasciati in stato di abbandono, che producono degrado soprattutto nelle periferie della città". Un annuncio importante sulla carta, ma che nulla ha da spartire con il servizio di rimozioni forzate. Per quello, con il 2018 agli sgoccioli, ci sarà ancora da attendere, bandi e Tar permettendo.

Commenti
    Tags:
    romaflopm5sbandogaratar laziosentenzarimozioni autoraggicampidoglio




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Miss Intimo, domenica sera la guerra della vera bellezza desnuda. O quasi.

    Miss Intimo, domenica sera la guerra della vera bellezza desnuda. O quasi.

    i più visti
    i blog di affari
    Open Arms, Fusaro contro Littizzetto: "Fate una colletta con gli stipendi tv"
    di Diego Fusaro
    Rotary per l'ambiente. Il Progetto Pelagos a Viareggio il 14 settembre
    di Paolo Brambilla
    Governo, si torni alla saldatura gialloverde. Sola via per tutelare l'Italia
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.