A- A+
Roma
Roma, opere bloccate e zero investimenti: cala il lavoro. È crisi senza fine

Opere bloccate e zero investimenti, a dicembre il numero record di ora di cassa integrazione. La Uil Lazio svela i numeri della crisi infinita di Roma: "Più persone a casa e meno lavoro”.

 

Aspettando la recessione Roma piange, con l'Unione Italiana del Lavoro che confronta i numeri dell'ultimo mese del 2018 con quelli di novembre. "Rispetto al mese precedente, infatti, nella Capitale la cig complessiva aumenta di ben il 94,9% - si legge in una nota - A pesare è soprattutto la cassa straordinaria che ha un’impennata del 122,4%". Situazione tristemente simile a quella del viterbese, dove "l’incremento totale è pari al 37%, ma il valore della cig straordinaria raggiunge numeri esponenziali".

“Un aumento quello della cassa straordinaria che indica il perdurare di forti situazioni di crisi – commenta il segretario generale della Uil del Lazio, Alberto Civica – cui si aggiunge un corposo incremento delle domande di Naspi che nel periodo gennaio-novembre 2018 hanno raggiunto circa 1,9 milioni su scala nazionale. Naspi che significa licenziamenti post cassa integrazione o, in alcune situazioni, scadenza dei contratti a termine non rinnovati. In ogni caso, più persone a casa e purtroppo meno lavoro”.

A livello regionale, il Lazio segna a dicembre scorso un più 9,9% di Cig (Cassa ingragrazione guadagni) complessiva rispetto al mese precedente. Anche in questo caso a salire è soprattutto la cassa straordinaria (+105%), mentre scende dell’11,9% quella in deroga. “Diminuzione quest’ultima che riguarda tutto il Paese – spiega Civica – da quando questa è stata sostituita dal Fondo Integrazione Salariale (Fis) che, al contrario, ha avuto nel 2018 una richiesta di circa 43 milioni di ore sull’intero territorio nazionale”.

Se si considera invece l’intero anno 2018, è Latina la città italiana con la maggiore impennata di cig (+160,9%) rispetto al 2017, con valori che vanno dal più 132% di cassa ordinaria al più 315% di straordinaria. Il settore che ha avanzato maggiori richieste di cassa integrazione è l'industria, seguito dall’edilizia dove però è molto alto anche il numero di Naspi, a conferma del peggioramento dello stato di crisi.

“E non si intravede purtroppo alcuno spiraglio – conclude Civica – il Paese è in recessione tecnica, diminuiscono gli investimenti, non si sbloccano le opere già finanziate e, di conseguenza, il lavoro diminuisce. Così non va assolutamente. Anche per questo scenderemo in piazza il 9 febbraio, insieme a Cgil e Cisl, per dire no a questa manovra che ferma Paese piuttosto che elaborare soluzioni alternative alla crisi”.

Commenti
    Tags:
    romalavoroinvestimentiuil laziolatinacrisidisoccupazionenaspicassa integrazione




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    La guerra dei glutei, giornali e politica speculano sull'immagine della donna

    La guerra dei glutei, giornali e politica speculano sull'immagine della donna

    i più visti
    i blog di affari
    Easy4.0: nuovi modi di vivere la casa
    di Francesco Palumbo
    Dallo sketch all'approfondimento. I miracolati della televisione italiana
    di Maurizio de Caro
    Che fine hanno fatto le giubbe gialle in Francia?
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.