A- A+
Roma
Roma, opere pubbliche "commissariate": Raggi fa mea culpa e si affida al Mit

Raggi si auto-commissaria ed affida le Opere pubbliche di Roma al Mit. Il Provveditorato alle Opere pubbliche del Lazio diventa la "stazione appaltante e centrale di committenza" per manutenzione e progettazione di nuove infrastruttre della Capitale, ed il "mea culpa" a cinque stelle scatena l'ironia del Pd.


L'accordo, che nei fatti dovrebbe "accelerare l’avvio di lavori importantissimi e inderogabili ed evitare le lungaggini amministrative e burocratiche", sembra infatti un passo indietro della giunta M5S, una presa di coscienza della prorpia inefficienza e, di conseguenza, un passo indietro importante. Dopo l'invocazione dell'esercito contro le buche e il progetto "strade nuove", l'obiettivo dichiarato di Governo e Comune diventa così smuovere Roma attraverso la gestione del Ministero degli appalti di manutenzione delle strade e gestione ordinaria, con il team messo in campo dal Provveditorato che "gestirà integralmente la realizzazione delle opere, dalla progettazione alla direzione lavori fino alla consegna degli interventi realizzati".
 

Una decisione che non mette però in discussione solo il lavoro della Raggi, ma anche quello dei suoi assessori. Tra i più discussi proprio quello ai Lavori Pubblici e Infrastrutture, Margherita Gatta: "È un auto-commissariamento a tutti gli effetti che sottolinea ufficialmente l’incapacità, in primis, del suo Assessore, Margherita Gatta, che si riprometteva di riparare le strade con la ‘naturopatia´; ma anche su dirigenti e impiegati comunali che, nel solito scaricabarile grillino, appaiono come incapaci - attacca il Pd, in una nota congiunta del capogruppo capitolino Pelonzi e della consigliera Piccolo - Possono i dirigenti capitolini essere competitivi se chi li guida usa la ‘naturopatia´ per la manutenzione stradale? Dopo la svolta della nuova ‘cantieristica Raggi´, l’assessore Gatta resta disoccupata e dovrebbe prendere atto di essere stata esautorata dai compiti assegnategli e dimettersi. Dalle buche alle altre emergenze romane il passo è breve”.

“La sindaca Raggi avrebbe potuto appaltare allo Stato anche il problema rifiuti – ironizza ancora il Pd – coinvolgendo il Ministro dell’Ambiente il quale ovviamente, non avendone le competenze, ha cercato di salvarle la faccia senza riuscirvi. Ma la stessa cosa avrebbe potuto fare anche con i trasporti se le fosse possibile. Insomma, abbiamo una Sindaca che non vuol fare la Sindaca. Probabilmente è maturata in lei la consapevolezza del grande errore che ha fatto a candidarsi, e siamo sicuri che sta contando, come tutti i romani, i giorni che mancano alla conclusione del suo mandato".

Commenti
    Tags:
    romabuchemanutenzionenuove operepontiinfrastruttureraggitoninellimitlavori pubblicimargherita gatta







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Capannelle, just cavalli e corse. Grazie agli arabi rivive l'ippodromo di Roma

    Capannelle, just cavalli e corse. Grazie agli arabi rivive l'ippodromo di Roma

    i più visti
    i blog di affari
    Scontro Murgia-Salvini, tutto è relativo, ma no ai luoghi comuni
    di Ernesto Vergani
    Notre Dame teatro del pensiero superfluo. Tutti esperti d'arte improvvisati
    di Maurizio de Caro
    Pasqua e ponti primaverili, la Puglia nelle mete preferite dagli stranieri
    di Mariella Colonna

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.