Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Roma, pronto soccorsi intasati. Maxi-affollamento: non ci sono posti letto

Mancano infermieri e dottori: pazienti in attesa per ore per un ricovero

Roma, pronto soccorsi intasati. Maxi-affollamento: non ci sono posti letto

Pronto soccorsi sovraffollati e mancanza di letti: negli ospedali romani la situazione è allarmante. Solo nella giornata di mercoledì più di mille pazienti suddivisi tra i maggiori pronto soccorsi della Capitale aspettavano di essere visitati. Di questi, oltre un terzo era in attesa di un posto letto per il ricovero.

 

A denunciare la situazione è l'OS NurSind, il sindacato delle professioni infermieristiche, che ha segnalato gravissime difficoltà nella gestione dei pazienti. “Si sono avuti nella Capitale punte di 144 pazienti Policlinico Casilino di cui 40 in attesa di ricovero, 124 pazienti al Policlinico Umberto I° di cui 49 in attesa di ricovero, 121 a Tor Vergata di cui 12 in attesa di ricovero, 159 al Gemelli di cui 27 in attesa di ricovero, 101 al San Camillo-Forlanini con 50 in attesa di ricovero, 98 al Sant’Andrea con 20 utenti in attesa di ricovero, al Sant’Eugenio 101 con 33 in attesa di ricovero, 110 al Pertini con 46 pazienti in attesa di posti letto”, scrive il sindacato in una nota, ricordando come la problematica del sovraffollamento si riscontri ripetutamente in determinati periodi dell'anno.
Irrimediabilmente il personale degli automezzi Ares deve fare i conti con attese infinite nei piazzali degli ospedali per poter recuperare e utilizzare le barelle occupate dai pazienti in fila per il ricovero.
Un problema che per OS NurSind è cronico e andrebbe gestito a livello Regionale, prevenendo le crisi: “È vera emergenza o solo una maladministration/mala gestio dei Dirigenti preposti nel trovare delle soluzioni efficaci, efficienti e durature? Nursind è molti anni che denuncia questa deriva”, scrivono specificando che ancora non siamo entrati nel periodo di picco influenzale.
Effetto domino dei sovraffollamenti è quello dell'aggravio di lavoro per il personale infermieristico e medico che deve alternarsi tra i nuovi arrivi e i pazienti in attesa di posto letto. Il personale è costretto a dedicare tempo anche alle spiegazioni dei ritardi di gestione del flusso di pazienti, al posto che indirizzarlo più efficacemente nel supporto del lavoro dei medici.
“Si stima che il 40-50% del personale viene distratto dalle mansioni dell’emergenze effettive per dare assistenza ai pazienti in attesa di ricovero sulle barelle – scrive il sindacato - Ma cosa si fa nelle strutture per evitare questo? A noi pare molto poco. Nascondere la testa sotto la sabbia non è una soluzione e cercare una spiegazione rischia di scontrarsi con chi non facilita il turn over o con chi non fa compiutamente il proprio lavoro. L’O.S. Nursind rimarrà vigile su questi eventi e chiede sin da ora un intervento della Regione Lazio con dei provvedimenti d’urgenza che evitino il black-out definitivo dell’emergenza sanitaria a Roma e Provincia per garantire ai cittadini quella qualità di cura nei pronto soccorso che ora non hanno e contemporaneamente chiede un incontro con le forze politiche regionali per discutere delle criticità legate all’emergenza/urgenza nella nostra Provincia”.
 

 


In Vetrina

Isola dei famosi 2018, Alessia Marcuzzi: "Ho voluto De Martino perché..." ISOLA DEI FAMOSI 2018

In evidenza

Ilenia musa di Verdone Dal Gf al grande cinema
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

NAIAS 2018: Ford Mustang il mito ritorna

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.