A- A+
Roma

Lo stesso Giovanni Malagò lo ha detto tra i denti. "Solo gli eventi bellici hanno fermato il concorso ippico di Piazza di Siena". Una dichiarazione, quella del presidente del Coni, che fa davvero capire quanto davvero sia mancato poco a far saltare una delle competizioni più illustri dell'equitazione italiana, l'annuale master Csio che si tiene nella storica pista nel cuore di Villa Borghese.

Fosco lo scenario descritto tra le righe il giorno della presentazione dell'ottanduesima edizione del concorso ippico internazionale che si terrà dal 22 al 25 maggio. I fatti parlano chiaro: la Federazione Italiana Sport Equestri resta commissariata. La deciso del Tar del Lazio il 5 maggio scorso che ha respinto la richiesta con la quale, tra gli altri, l'ex presidente della Fise Antonella Dallari sollecitava la sospensione dell'efficacia della decisione dell'Alta Corte di Giustizia sportiva con la quale è stato rigettato il ricorso contro la delibera del Coni per la proposta di proroga per un ulteriore semestre del commissariamento della Federazione.

"Un impegno difficile" per stessa ammissione del Commissario Straordinario della FISE, Gianfranco Ravà che da quasi un anno è impegnato a rimette in sesto i conti disastrati. Tutto nasce dalla scoperta di un deficit milionario in cui era piombata la federazione dopo la presidenza di Andra Paulgros: tre bilanci non approvati, un buco da sette milioni di euro. Infine l'elezione del nuovo presidente, Antonella Dallari, contestata ed annullata. A quel punto il commissariamento divenne inevitabile.

I risultati delle indagini di un commissione mista Fise-Coni sullo stato patrimoniale della Federazione portò alla luce un buco di 7 milioni di euro creato anche dagli stipendi d’oro e bonus per i dirigenti: 100 mila euro annui più rimborsi spese vari, nonostante lo statuto non preveda alcun emolumento. Altri 500 mila euro se ne sono andati in auto blu e soggiorni in alberghi a cinque stelle. Dai documenti pubblicati sul sito ufficiale della Federazione dalla precedente gestione, i conti parevano perfettamente in ordine: il trucco stava in crediti inesigibili che continuavano ad essere riportati di bilancio in bilancio, documenti mai approvati dal Coni che però nel 2013 aveva girato alla Fise oltre un milione e mezzo di euro di contributi pubblici.

Era luglio del 2013 e dopo 10 mesi di gestione commisariale il Coni ha deciso il prolungamento del mandato di Rava. Da approvare restano ancora il bilancio 2012, mentre a luglio è prevista l'approvazione di quello del 2013 e fra settembre e ottobre le modifiche statutarie e il completamento del piano di ristruttuazione del debito. "Chiuderemo il commissariamento entro il 30 novembre per andare ad elezioni entro fine anno'', ha spiegato Malagò. Nel frattempo a Piazza di Siena l'equitazione si fa bella intitolando l'edizione del rilancio ai fratelli D’Inzeo come tributo a due cavalieri, Piero e Raimondo, recentemente scomparsi e che proprio a Piazza di Siena hanno scritto la grande storia dell’equitazione italiana.

In vista anche della celebrazione del Bicentenario dell’Arma dei Carabinieri è stata allestita una tribuna che può ospitare circa 2.300 posti. Per tutti i bambini fino a dieci anni il costo del biglietto è di un euro, con posto riservato sul ‘ground’ la zona del prato dal lato della Casina Raffaello.

Quindici i paesi rappresentati al Concorso, otto in gara con una squadra nella Coppa delle Nazioni (Italia, Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Qatar e Ucraina), a cui si aggiungono a titolo individuale Australia, Canada, Irlanda, Spagna, Svezia, Svizzera e Usa. Gli azzurri sono presenti con 23 cavalieri.  Molti i nomi d’eccezione in gara, dal campione olimpico in carica, lo svizzero Guerdat al suo debutto a Piazza di Siena ai tre cavalieri sul podio della finale di Coppa del Mondo di Lione dello scorso aprile, i tedeschi Deusser e Beerbaum e il britannico Brash; dal campione del mondo in carica, il belga Le Jeune, all’olandese Schroeder.

Tags:
piazza di sienaippicadebiticommissariamentofise

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Economia e management secondo Corsera e Bocconi. Una nuova collana editoriale
di Paolo Brambilla - Trendiest
La verità dietro il caso Casalino-Mef
di Angelo Maria Perrino
Giancarlo Prandelli a Pisacane Arte. "Mani in Pasta" gli dedica ... una pizza
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.