A- A+
Roma
Salute, ministro Grillo attacca Zingaretti: "All'Umberto I pazienti ammassati"

Il ministro della Salute Giulia Grillo visita a sorpresa il Policlinico Umberto I di Roma e attacca il Presidente Zingaretti: “Mi è stato detto che non è mai venuto qui. È una mancanza importante. Qui pulizia scadente e pazienti ammassati”.

 

Blitz del ministro della Salute Grillo venerdì mattina al Policlinico Umberto I di Roma. “Il sovraffollamento è incredibile, non si riesce nemmeno a passare. I pazienti sono messi ovunque, seduti, sulle barelle, uno sopra l'altro mi verrebbe quasi da dire, e le condizioni di pulizia sono molto scadenti". Lo ha detto il ministro tramite una diretta Facebook subito dopo aver visitato Pronto Soccorso dell'ospedale. "Negli ospedali - ha aggiunto - i servizi sono stati quasi tutti esternalizzati con la scusa che si risparmiava. Se si risparmia non lo so. Ma si tratta di condizioni indecorose e ciò non è accettabile. Il San Giovanni Bosco di Napoli docet. Lì sappiamo che c'è un grande problema per le pulizie dell'ospedale".

Per quanto riguarda l'Umberto I, "ho chiesto - ha spiegato Grillo - al direttore sanitario di capire come mai c'è questa situazione, ha preso l'impegno e tra un mese tornerò per monitorare la situazione". L'Umberto I ha il Pronto Soccorso "più grande di Roma, forse anche di Europa, si parla di 150 mila accessi l'anno. Purtroppo si tratta - ha raccontato il ministro - di un ospedale vecchio che andrebbe ristrutturato. Abbiamo però verificato la grande professionalità del nostro personale medico sanitario, ciò che mi dispiace è che sono costretti a lavorare in una situazione cosi' tanto complicata. Ad esempio nella sala d'attesa manca il monitor per capire a che punto sono i pazienti, per i parenti non c'è nemmeno una presa per ricaricare il telefonino e oggi nemmeno il bagno era funzionante".

Il policlinico Umberto I "è un'azienda grandissima con 5 mila dipendenti – continua - ed è molto impegnativo saperla governare. Serve un livello di competenza molto alto e la mia sensazione è che in questo momento non ci sia. Qui dovranno essere spesi 240 milioni di euro per ristrutturare 17 padiglioni su 65. Capirete che c'è bisogno di avere una capacità manageriale rilevante anche per quanto riguarda l'edilizia sanitaria".

In chiusura l'attacco a Zingaretti: “Mi è stato detto che non è venuto recentemente, anzi mai, il presidente di Regione a vedere il Pronto Soccorso. Nel momento in cui si vuole fare il commissario alla Sanità di una Regione e non si vede il Pronto Soccorso più grande c'è una mancanza importante".

Commenti
    Tags:
    salutegrillozingarettipoliclinico umberto ipronto soccorso
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

    Regione Lazio: Maselli a FdI, Cavallari va con Renzi. Zingaretti più forte

    i più visti
    i blog di affari
    Bolivia, Putin si schiera con Morales.La Russia non sbaglia mai in geopolitica
    di Diego Fusaro
    Bookcity Milano/ Intervista a Maria Borio: “La poesia sta nella trasparenza”
    di Ernesto Vergani
    Biovalley Investments Partner (BIP). Aumento di capitale su CrowdFundMe

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.