A- A+
Roma
San Giovanni-Pantano: è subito amore. Pendolari e curiosi pazzi per la Metro C

di Massimiliano Martinelli

Rivoluzione San Giovanni, tra i romani e la nuova stazione della Metro C è subito amore. Folle di pendolari e curiosi presenti per il collaudo definitivo della stazione-museo.

 

Dodici minuti. Cinque volte la Metro A, il doppio della Metro B, l'equivalente di un autobus. Questa l'attesa, minima, tra un treno e un altro della linea; saltare una corsa significa ritardo assicurato. Il viaggio tra Roma e la periferia est della Capitale parte dalla stazione di Monte Compatri-Pantano, una struttura moderna nel bel mezzo di una zona quasi desertica. Bastano pochi stop e alla Fermata Finocchio il vagone è già quasi pieno. All'altezza di “Bolognetta”, inevitabilmente, è già caccia al posto. “Ricordiamo che è attivo il capolinea della stazione San Giovanni” si sente dall'altoparlante, forse un modo per sottolineare anche con se stessi l'evento straordinario. Dopo oltre 30 minuti di viaggio relativamente senza problemi si arriva all'atteso capolinea, dove si sentono i primi scricchiolii. La presenza di una sola rampa per l'uscita non permette un deflusso immediato, rallentato già dallo stupore e la curiosità generale. Ai tornelli della Metro A, dove bisogna timbrare il biglietto una seconda volta, si registrando lunghe file. Incomprensioni e disagi tipici della fase di rodaggio, che però fanno innervosire molti pendolari.

Al termine della traversata è tempo di passare la palla ai romani, giudici supremi sulla qualità del trasporto pubblico. Una signora risponde di corsa, troppo di fretta per fermarsi: “È andata bene, ora proseguo fino a al Colosseo. Certo, se passassero più spesso...”. “Se funziona sempre così è comodissima – commenta il signor Mauro, impegnato nel collaudo – ci ho messo 20 minuti da Torrenova a qui”. “Sicuramente meglio di niente”, commenta più cauto un terzo passeggero. L'anima archeologica della stazione è poi certamente la migliore. I reperti antichi in mostra tengono incollati al vetro turisti e romani, pronti ad immortalare statue, vasi o frammenti di opere con il proprio telefonino.

Tanti i pendolari già pronti a mettere in difficoltà la stazione, come molti sono i semplici curiosi, armati di biglietto e pazienza per testare con mano il frutto della lunga attesa. La stazione supera così con buoni voti la prova del nove nel primo giorno feriale, chiamata a far fronte ad un flusso di passeggeri a pieno regime. Tra i romani e la nuova linea scocca subito la scintilla, d'altronde l'amore tra utenti sempre in ritardo e nuove infrastrutture funzionali non può che essere immediato.

Tags:
san giovannistazionemetro cpantanopendolaritrasporto pubblicoroma

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Atac, fuorilegge i biglietti sui bus maggiorati di 0,50. Tradito il Metrebus

Atac, fuorilegge i biglietti sui bus maggiorati di 0,50. Tradito il Metrebus

i più visti
i blog di affari
Se Tria non condivide, si dimetta
di Angelo Maria Perrino
Caso Olimpiadi 2026, il neo-statalismo 5Stelle “non vede” la liberale Milano
di Ernesto Vergani
Cura di sé: quanto tempo ti dedichi? IL TEST

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.