A- A+
Roma
San Giovanni, quartiere rivincita: arrivano la Metro C e Papa Francesco

San Giovanni da sabato 12 maggio non sarà più uguale. E' la rivincita di un quartiere soffocato dai cantieri della linea C della metropolitana che torna a respirare dopo 18 anni.

Ora un tessuto commerciale che ha visto la chiusura sistematica di decine di locali per l'impossibilità di aver il “transito”, si prepara a prendere la sua rivincita. Da Via Emanuele Filiberto a via Carlo Felice dove arriverà il primo di una serie di bagni pubblici a servizio del parco, sino a via La Spezia ancora sofferente dopo la riapertura completa della strada perché trasformata in un capolinea di bus, è un fiorire di attività commerciali che si preparano alla rinascita. Ciò che ieri valeva 10, da sabato con l'apertura della Metro C varrà 12 o 13, nel segno di quella rivalutazione di immobili e attività commerciali che viene trainata dalle infrastrutture di trasporto collettivo.

LA MOVIDA SI SCALDA
Via Taranto, via La Spezia, via Carlo Felice e a salire verso viale Manzoni si candida a diventare una nuova centralità della movida romana, ispirata da un quartiere che sembra avviato ad una rinascita, denso di locali per giovani e meno che sfidano il degrado del Pigneto con un'offerta ordinata e di qualità e una enogastronomia sempre più di qualità. Su tutto il vantaggio di essere al centro di Roma senza lo stress della ztl e della ricerca folle del parcheggio serale. Spazi e servizi, San Giovanni è diventato il simbolo della nuova città.

E a dare una mano al mese di San Giovanni arriva anche il Papa con il tradizionale appuntamento dell'incontro della Diocesi romana con il suo Vescovo. L’appuntamento è per lunedì 14 maggio alle 19 nella basilica di San Giovanni in Laterano. Si comincerà con un momento di preghiera; seguirà una sintesi dei lavori pervenuti dalle parrocchie curata da una commissione diocesana, di cui sarà portavoce don Paolo Asolan, professore al Pontificio Istituto Pastorale “Redemptor Hominis” della Pontificia Università Lateranense. Quindi l’intervento del Santo Padre.

All’appuntamento parteciperanno l’arcivescovo vicario della diocesi di Roma monsignor Angelo De Donatis, i vescovi ausiliari, i sacerdoti, i religiosi e le religiose e centinaia di laici provenienti dalle parrocchie e dalle altre realtà ecclesiali della diocesi di Roma, nonché i rappresentanti delle aggregazioni ecclesiali, delle cappellanie e delle scuole cattoliche della città. I partecipanti potranno accedere alla basilica di San Giovanni dall’ingresso principale, esibendo il pass e dopo essersi sottoposti ai consueti controlli di sicurezza. Per consentire una più ampia partecipazione, nel cortile del Vicariato saranno predisposte 1.700 sedie e un maxischermo.

LA LETTERA AI ROMANI
L’incontro è stato annunciato nei giorni scorsi dall’arcivescovo vicario Angelo De Donatis con una lettera indirizzata alla diocesi. «Stanno giungendo qui in Vicariato attraverso i vescovi ausiliari – scrive il presule – le relazioni che sintetizzano il percorso che abbiamo vissuto. Il materiale che raccogliamo verrà donato al Papa, affinché possa vedere come la sua diocesi si interroga sulle fatiche nell’annunzio della gioia evangelica». A fare da filo conduttore al lavoro svolto finora, le indicazioni consegnate dal Santo Padre nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium. Ora, spiega De Donatis, «sarà proprio il Papa a indicarci la “terapia” per uscire dalle malattie che abbiamo individuato». Di qui l’invito a partecipare all’incontro, «un momento di Grazia che ci farà crescere nella dimensione spirituale e comunitaria». Poi, anticipa l’arcivescovo nella missiva, a giugno «tutte le comunità rifletteranno sulle indicazioni che Papa Francesco vorrà darci». In questo modo «ci prepareremo al prossimo anno pastorale, che si aprirà in settembre con un’altra tappa del nostro cammino, quando ci raduneremo per tradurre tutti gli orientamenti emersi in linee operative per la vita spirituale e l’azione pastorale».

L’economia dell’esclusione, l’accidia egoista, l’individualismo comodo, la guerra tra noi, il pessimismo sterile, la mondanità spirituale: sono queste le “malattie spirituali”. La riflessione sul tema era iniziata, nella diocesi di Roma, su impulso del vicario De Donatis a pochi giorni dall’inizio della Quaresima, con una lettera – inviata ai sacerdoti e ai diaconi lo scorso 30 gennaio – in cui invitava a far par partire un confronto su queste “malattie spirituali” nelle parrocchie e nelle prefetture. A supporto della proposta, il Consiglio episcopale aveva redatto un dépliant intitolato “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”, spedito dal vicario insieme alla lettera. Il risultato di questo discernimento è quanto verrà presentato al Santo Padre.

Tags:
metrocsan giovannicantieri metropapa francescodiocesi romatitta al 162
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Mafia Capitale, a Roma non fu mafia ma delinquenza: Cassazione ribalta tutto

Mafia Capitale, a Roma non fu mafia ma delinquenza: Cassazione ribalta tutto

i più visti
i blog di affari
L'emergenza climatica? Forse una notizia del diavolo
di Ernesto Vergani
I ladri non sono tutti neri
di Mariella Colonna
Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
di Bepi Pezzulli

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.