A- A+
Roma
Sanità, il Lazio è una slot machines: i privati vincono 3,5 miliardi l'anno

di Luca Lotti


Per curarci nel Lazio spendiamo cifre stratosferiche. Nel 2015 abbiamo versato “cash” nelle casse della sanità privata, sempre più“satolla” perché a questi denari freschi, nel caso degli accreditati si aggiungono anche i finanziamenti pubblici, 3 miliardi e 500 milioni l’anno cioè circa 600 euro a testa.


Questo a causa di una sanità pubblica spesso inaccessibile e per la quale però i cittadini pagano già le tasse più alte d’Italia. A queste 3 miliardi e mezzo infatti si aggiungono i 900 milioni circa derivati dalle super aliquote fiscali collegate al piano di rientro, utilizzate per rimettere a posto i conti della sanità pubblica spesso inaccessibile e, dulcis in fundo, i tickets.

La spesa sanitaria in Italia
Un salasso di proporzioni gigantesche prodotto da una sanità pubblica che fatica a dare le risposte ai cittadini in tutte le regioni perché ma questo tratto di inadeguatezza è fenomeno riguarda tutto il Paese. Secondo i dati elaborati dall’Adn Kronos in base a quelli contenuti nel rapporto della Corte dei conti sul coordinamento della finanza pubblica 2017, in Italia la spesa privata per curarsi è salita alla cifra vertiginosa di 35 miliardi di euro. Oltre un terzo del fondo sanitario nazionale che è pari a 112 miliardi. Non era mai arrivata cosi in alto.
I dati relativi al Lazio parlano di un esborso medio procapite l’anno pari a 592 euro, superiore alla media nazionale che è di 574, per un totale di 3 miliardi e 500 milioni che sono il 10% della spesa nazionale.
I dati mostrano che gli abitanti delle regioni del nord nel 2015 hanno speso ben 19,7 miliardi di euro, pari al 56,5% del totale. Gli enti territoriali del centro arrivano a 6,8 miliardi (pari al 19,5%), a cui si aggiungono altri 8,4 miliardi del sud (24%), per un totale di 34,9 miliardi. Le regioni del settentrione si collocano al di sopra, con 724 euro al nord ovest (+26,1%) e 688 euro nelle regioni del nord est (+19,8%). Sotto i livelli nazionali, invece, si posiziona il resto della penisola, con il centro a 564 (-1,7%) e il mezzogiorno a 400 euro (-30,3%).

La classifica
Considerando le singole regioni la spesa procapite più alta si registra in Valle d'Aosta (799 euro), seguita dalla Lombardia (782 euro) e dal Trentino (764 euro). Gli abitanti della seconda classificata da soli arrivano alla somma di 7,8 miliardi, cioè il 22,4% del conto nazionale, mentre la prima arriva al totale di 102 milioni e la terza a 808 milioni. Segue l'Emilia Romagna, dove la spesa procapite arriva a 697 euro, e quella regionale a 3,1 miliardi; in Veneto le uscite per la sanità privata ammontano a 693 euro a persona e 3,4 miliardi totali, in Piemonte si fermano a 645 euro (e 2,8 mld).

Bisogna arrivare al settimo posto per trovare una regione che non sia del nord, con la Toscana (597 euro e 6,8 mld), seguita dal Lazio (592 euro e 3,5 mld). Poi torna il settentrione, con la Liguria (569 e 901 mln), con il Friuli Venezia Giulia (567 euro e 676 mln). Sotto la media nazionale si collocano tutte le regioni del sud e qualcuna del centro: Puglia (513 euro e 2,1 mld), Abruzzo (474 euro e 631 mln), Marche (456 euro e 707 mln), Umbria (433 euro e 2,2 mld),Sicilia (422 euro e 2,1 mld), Basilicata (416 e 240 mln), Molise (394 euro e 123 mln), Calabria (377 euro e 745 mln), Sardegna (354 euro e 589 mln), Campania (304 euro e 1,8 mld).
Sono dati allarmanti che raccontano come curarsi sia diventato ormai un affare da ricchi per ricchi.

Tags:
sanitàlazio sanitàsanità privataadn kronosmalattiespesa sanitariatasseirpef




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

i più visti
i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.