A- A+
Roma
Sanità pubblica, sprechi ed eccellenze. “Piano Marshall per i medici di base”

di Valentina Renzopaoli

La sanità pubblica tiene pur tra tra difformità, squilibri, disuguaglianze. Ma sprechi, lunghezza delle liste d'attesa, intromoenia, corruzione continuano ad essere i problemi più urgenti da affrontare.

 

Lo rivela il primo Rapporto Enpam ed Eurispes “Il termometro della salute”. Pierluigi Bartoletti, appena eletto nuovo vice presidente dell'Ordine dei medici di Roma, ha scelto affaritaliani.it per commentare l'indagine.

Dottor Bartoletti, le chiedo per prima cosa una valutazione generale del rapporto realizzato dall'Osservatorio Salute, legalità e previdenza Enpam Eurispes.

“La mia valutazione da una parte collima con la sensazione comune di un sistema che potrebbe dare molto di più e non lo fa per i problemi noti e citati dallo stesso Ministro della Salute Lorenzin, dalla corruzione agli sprechi alla incapacità di cambiare il modo di gestire la cosa pubblica. Dall'altra parte, l'immagine che ne deriva è come quella di un'analisi di laboratorio ben fatta da cui risultano valori alterati ma per cui non c'è la terapia”.

Un primo problema serio riguarda proprio la sua categoria, quella dei medici di famiglia che nei prossimi anni, sembra saranno “merce rara”. Si prevede infatti entro il 2023 una carenza di medici di base di circa 16mila unità: significa che un terzo degli italiani rimarranno senza problemi.

“Il problema esiste e le misure dovrebbero essere prese immediatamente, anzi si sarebbero dovute prendere “ieri”. Per i 16mila medici di famiglia che mancheranno all'appello bisogna iniziare subito una piano Marshall per la formazione: mettere a disposizione le borse di studio per i medici di famiglia dal 2018 in modo che nel 2021 saranno formati e specializzati. Insomma la diagnosi del problema c'è, ci sarebbe anche la presunta terapia ma al momento non c'è la terapia reale”.

L'indagine ha però rilevato che, tutto sommato, la sanità italiana non è affatto al tracollo, anzi continua ad essere tra le migliori al mondo. E' la stessa sensazione che si ha anche dall'interno?

“Il sistema tiene. In generale, la mia esperienza mi fa dire che tiene soprattutto quella che in gergo si chiama “alta complessità”, ovvero il settore delle patologie complesse. Il problema è che alla cura ci si arriva non in tempo, o meglio, ci si arriva meno rapidamente di quello che si dovrebbe. Nel nostro Paese ci sono delle eccellenze ma per le fasce di reddito più basse è difficile accedere a questo tipo di cure”.

Uno dei nodi più critici rilevati riguarda il sistema dell'intramoenia che è stato definito “un autogoal del sistema sanitario”. E' d'accordo?

“Sulla valutazione relativa all''intramoenia ho delle forti perplessità e non mi convincono i numeri. Il sistema intromoenia è un sistema complesso e rigidamente regolamentato e una parte dei ricavati dovrebbe essere girato al sistema sanitario per diminuire le liste d'attesa. Se si parla con i medici che praticano l'intramoenia, raccontano che delle fatture emesse a nome della struttura sanitaria, ciò che rimane al medico è il 30%. E allora non si capisce dove vanno a finire i soldi, visto che secondo il rapporto nelle casse pubbliche entrerebbe poco più del 10% dei volumi generati. Ho dei dubbi anche sulla discrasia tra le liste d'attesa per le visite nel pubblico e in intramoenia: già dal 2004 esiste la possibilità di bloccare le agende dei medici in caso di discrasia evidente tra i tempi d'attesa dell'istituzionale e quelli del privato. Io credo che il problema non sia l'intramoenia ma la modalità di gestione del sistema e delle agende che sono regolate non dai medici ma dal Cup, ovvero dalla Regione”.

Il Lazio alla fine del 2018 uscirà dalla gestione commissariale. Cosa cambierà?

“E' un'ottima notizia: innanzitutto uscire dal piano di rientro significa diminuire le addizionali Irpef e quindi la pressione fiscale. Poi, finalmente la Regione riprende in mano l'organizzazione della sanità regionale sulla base delle esigenze del Lazio, che è una regione molto complessa con alcuni segnali preoccupanti, come quello degli indicatori della salute per la fasce più deboli. Inoltre esistono delle aree con serie criticità.

Quali?

L'area del Cigolano nel reatino, la Val di Comino nel Frusinate, alcune zone al confine nord con l'Umbria e al confine sud con la Campania.

Tags:
sanità pubblicasistema sanitariorapporto sanitàeurispesenpampier luigi bartolettimedici di famiglialaziosalute

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
Milano. 2° Salone Internazionale della Canapa dal 28 al 30 settembre.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Oli essenziali, ecco perché non puoi farne a meno
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.