A- A+
Roma
Sardine scatenate: scatta la censura social. Sabato il test a Rieti, poi Roma

Antifascisti, contro ogni forma di odio e discriminazione. E con 12 giorni di tempo per mettere ordine nel movimento: le sardine di Roma provano a darsi una struttura organizzativa in vista della manifestazione oceanica di sabato 14 dicembre in piazza San Giovanni. Dopo Milano varano il nuovo regolamento social che stringe le maglie della partecipazione da tastiera.

Varato nel pomeriggio di domenica 1 dicembre, il manuale della “perfetta sardina” è un piccolo compendio di ciò che ciascun appartenente al gruppo degli oltre 135 mila che si sono iscritti nella Capitale, possono o non possono scrivere ed è la nuova versione, quella definitiva, che accompagnerà l'esercito sino all'appuntamento di piazza San Giovanni alle 15 del pomeriggio.

Dunque, “saranno immediatamente approvati i post che conterranno contenuti creativi, coinvolgenti, con informazioni utili per tutti e, ovviamente, foto e filmati delle piazze delle sardine”. Non approvati e quindi mai online, i post ripetitivi, i post politici che provocano reazioni di rabbia, gli articoli che non parlano delle Sardine, le immagini dei politici e i video party”. Insomma, una specie di minicensura che si basa su elementi civili ma anche discutibili e che di fatto elimina ogni contenuto che possa sollevare polemiche e “scontri”.

E poi resta il dilemma dell'inno. C'è a chi “Bella Ciao” sta stretto e propone Imagine perché a Roma “Romagnia mia” è fuori luogo e allora si potrebbe replicare con l'Inno di Mameli, in alternativa a un più guerrafondaia leggenda del Piave con “il non passa lo straniero” gridato verso Matteo Salvini. Per scaldare muscoli e ugole con la paura che il 14 dicembre diventi la copia di piazza del Concertone del Primo Maggio, il pensiero Sardiniano, studia regole d'ingaggio e dà sfogo alla creatività. La “marcia su Roma” parte da Rieti, precisamente da piazza San Rufo, i “centro d'Italia” che diventerò un simbolo sabato prossimo 7 dicembre. Dall'Umbulicis Italie, la strada verso Roma è tutta in discesa. Una visione delle letteratura classica italiana che ogni velleità di provocazione alle tigri della tastiera e ai troll. Senza un'euro di sponsorizzazione. Per ora chi piange lacrime da Sardina è Facebkok che ha visto un aumento vertiginoso del traffico e zero incassi.

Loading...
Commenti
    Tags:
    sardinesardine romarietifacebbokcensura socialregolamento sardinepiazza san giovanni romaconcertoneinno sardinebella ciaoimaging
    Loading...







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Case popolari agli immigrati irregolari. Zingaretti e la legge salva occupanti

    Case popolari agli immigrati irregolari. Zingaretti e la legge salva occupanti

    i più visti
    i blog di affari
    La Regione Lombardia supporta UNFPA, Agenzia delle Nazioni Unite per le donne
    Tàscaro a Milano: non solo spritz e cicheti. Anche un atto d’amore
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Caparini, i giornali italiani esultano e Washington ci usa come una colonia
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.