A- A+
Roma
Scandalo Atac, “Su 700 scale mobili ne potevano crollare 4”: intercettazioni

"Se famo (facciamo, ndr) il calcolo delle probabilità, su settecento (scale mobili, ndr) ne sarebbero venute giù tre o quattro".

 

È il passaggio di una intercettazione, citata nell'ordinanza del gip Massimo Di Lauro, in cui uno degli indagati, Renato D'Amico (direttore di esercizio Atac delle linee metro A e B) discutendo sulla problematica delle scale mobili con una dipendente, mentre era in corso una perizia tecnica sui fatti della stazione Repubblica, commenta con cinismo “la gravità della situazione utilizzando come parametro di giudizio quello delle probabilità per valutare lo stato di pericolo in cui versano le condizioni di sicurezza degli impianti”.

Nel provvedimento cautelare, il giudice scrive che all'indagato D’Amico "non interessa affatto l’eventualità che su quelle tre o quattro scale ci siano sopra persone, per lui è solo una questione di numeri percentuali ma ci si consenta di osservare che saranno pure tre o quattro scale quello che possono rompersi ma se c’è qualcuno sopra rischia di farsi male per davvero”.

Ma le intercettazioni non finiscono qui. "Pure noi non abbiamo controllato niente, sta c... di ditta, no? Dai... pure noi poi dovremo fare un'analisi interna", avrebbe detto D'Amico leggendo a un interlocutore il testo di una mail, che preferisce non inoltrargli, riguardante alcune criticità emerse alla stazione metro Cornelia. In questo messaggio si legge che "i dispositivi di controllo dell’usura e della mancata apertura dei freni risultavano disabilitati dalla centralina di controllo". La riflessione, ad alta voce, di D'Amico è che "vanno ad agire sulla sicurezza... questi è un continuo... è preoccupante, certe posizioni non sono proprio campate in aria, bisogna mandarli via...noi non abbiamo controllato niente sta c... di ditta (la 'Metroroma scarl', società cui era affidata la manutenzione delle scale mobili, ndr)". Per il gip Massimo Di Lauro l'esigenza di "un'analisi interna" nasce "nell’animo di D'Amico solo a distanza di più di cinque mesi dall’incidente di Repubblica e dopo che anche la stazione Barberini aveva subito analogo sinistro tanto da determinare finalmente Atac a chiedere la risoluzione contrattuale con 'Metroroma scarl' per grave inadempimento".

In un'altra intercettazione telefonica, D'Amico definì "esagerato" il sequestro della stazione Barberini disposto dalla magistratura il 23 marzo scorso, a cinque mesi dal collasso della scala mobile della stazione Repubblica. "Una mossa esagerata da parte della procura che condiziona tutti... Comunque vanno sparando anche addosso...", commentava D'Amico il 6 maggio 2019. Per il giudice Massimo Di Lauro, non si comprende come "la magistratura possa aver condizionato negativamente l'operato di un'azienda che per cinque mesi non aveva certo brillato per spirito di iniziativa nel risolvere il contratto con un'impresa come la 'Metroroma scarl' dimostratasi ampiamente inadempiente ai suoi obblighi". Per D'Amico il provvedimento adottato dall'autorità giudiziaria a Barberini era esagerato "perchè l'incidente non aveva provocato feriti". "Il che - è la conclusione del gip - la dice lunga sulla sua perdurante inclinazione a disinteressarsi della sicurezza degli sventurati che sono costretti a prendere la metropolitana per recarsi al lavoro".

Commenti
    Tags:
    scandalo atacscale mobiliscale mobili romascale mobili roma incidentescale mobili roma tifosiscale mobili roma feritiscale mobili roma metromisure cautelariromametro romaatacstazione barberini romastazione repubblica romacska moscaintercettazioni
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    i più visti
    i blog di affari
    Michela Golia. "Storie di una bambina precoce". Casa Editrice Albatros il Filo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    La geopolitica di Macron, Brexit il kick-off all'autonomia strategica UE
    di Bepi Pezzulli
    CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO
    di Angelo Andriulo

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.