A- A+
Roma
Scrittori e pittori, Roma da record. Qui creatività fa rima con business

Per presenza di scultori, pittori, incisori, scrittori e consulenti artistici, reddito derivante da professioni artistiche e numero di esposizioni nel corso dell’anno, è il Lazio la regione italiana più “creativa”, seguita da Toscana e Lombardia, mentre il Sud vive una sorta di “desertificazione culturale”, con pochi artisti propriamente detti, poco pagati e poche esposizioni e occasioni in cui far conoscere le loro opere. Nonostante quindi le regioni meridionali ospitino borghi incantevoli, panorami suggestivi e siano accoglienti nell’ospitare manifestazioni artistiche, anche sul fronte creativo permane un forte dualismo tra il resto dell’Italia e il Sud, tale da non riuscire a produrre sviluppo e reddito.
Sono le conclusioni a cui arriva lo studio “La geografia della creatività in Italia: un’analisi descrittiva della distribuzione regionale degli artisti” dei professori Amedeo Di Maio, Salvatore Ercolano e Giuseppe Lucio Gaeta, pubblicato sulla Rivista Economica del Mezzogiorno, trimestrale della SVIMEZ edito da Il Mulino.
Condotto su dati Istat, del Ministero delle Finanze e in base a rilevazioni dal sito www.exibart.com, lo studio mette in relazione tre indicatori (la distribuzione regionale degli artisti, il reddito che generano e il numero di mostre presenti sul territorio considerato nel periodo 2008-2010) per dimostrare che anche in ambito artistico professionale l’Italia è spaccata a metà tra Nord e Sud.
Chi sono i creativi oggetto dell’indagine – Scultori, pittori, incisori, scrittori e consulenti che allestiscono esposizioni che traggono reddito dalla loro professione e che tale si dichiarano ai fini fiscali: sono loro l’oggetto dello studio. Esclusi quindi sia attori, stilisti o scienziati, che medici o dirigenti che rielaborano in modo originale le conoscenze apprese.
Dove si trovano in Italia: Lazio, Toscana e Lombardia. Presenze irrilevanti in Calabria e Basilicata – “L’artista professionista, si legge nello studio, vive in luoghi dove può sperare maggiori guadagni, inserirsi in una rete sociale e culturale, avere occasioni di visibilità. Nulla di diverso, quindi da ciò che spera l’ingegnere, il medico e qualsiasi altro professionista consapevole di vivere nell’epoca delle economia delle relazioni”. I creativi, continua lo studio, “sono attratti dalla presenza delle 3 T (talento, tecnologia e tolleranza) in un’area, cioè da comunità che sono caratterizzate da concentrazioni di soggetti creativi, deboli barriere sociali, forte eterogeneità sociale e culturale, isole pedonali, caffè, luoghi per la musica e l’arte”.  
In base all’indicatore ART costruito per lo studio, i creativi si concentrano in misura superiore alla media nazionale (cioè con ART maggiore di 1) soprattutto nel Lazio (2,73), seguiti da Toscana (1,67) e Lombardia (1,48). Presenza superiore alla media, anche se di poco, in Umbria, Trentino e Valle d’Aosta. Pochi creativi al Sud: in nessuna delle regioni meridionali si raggiunge una presenza di artisti pari almeno alla metà della media nazionale. Abruzzo, Molise e Sardegna arrivano circa a 0,45, la Campania si ferma a 0,33, con punte di presenze minimali in Sicilia (0,29), Calabria (0,19), Basilicata (0,16).
Gli artisti più ricchi vivono nel Lazio – Sul fronte del reddito la regione Lazio spicca per un valore davvero molto elevato (4,28, quando con R=1 si sarebbe già in linea con la media nazionale), seguita, decisamente a distanza, dalla Lombardia (1,22). Nel Lazio la presenza di artisti più elevata d’Italia e l’incidenza più forte sull’economia regionale è dovuta probabilmente alla presenza degli studios di Cinecittà e della RAI. Come già per l’indicatore relativo alla presenza di artisti, il dualismo si ripete sul fronte del reddito generato: in base alle dichiarazioni di redditi, in nessuna delle regioni meridionali e delle isole il peso economico degli artisti raggiunge il 50% della media nazionale. A eccezione del Lazio e della Lombardia, infatti, Toscana e Umbria, con 0,8, provano ad avvicinarsi alla media, mentre tutte le regioni meridionali si collocano ai limiti, con valori compresi tra 0,1 e 0,2, a parte l’Abruzzo, che risale a 0,38.
Nel Lazio, Toscana ed Emilia Romagna il maggior numero di esposizioni – Dinamica leggermente differente sul fronte della presenza di mostre in regione. Il Lazio si mantiene sempre in testa, con un indicatore ESP superiore alla media nazionale (ESP=1), cioè 1,51, marcato stretto dalla Toscana (1,50) e seguito da Emilia Romagna (1,25), Liguria (1,15), Lombardia (1,13), Umbria (1,11), mentre Piemonte e Lombardia sfiorano l’unità (0,97 e 0,99). Anche in questo caso il Sud si rivela inferiore alla media nazionale almeno del 50%: si registrano più mostre in Sardegna (0,56), Abruzzo (0,48) e Campania (0,47), meno in Basilicata (0,35), Sicilia e Puglia (0,34). In coda alla classifica il Molise (0,29) e la Calabria (0,21).
La creatività, concludono gli autori, rappresenta un valore di sviluppo rilevante nelle economie contemporanee e aiuta a comprendere il potenziale di sviluppo dei territori. Potenziale che, nel Mezzogiorno, appare tuttora limitato e in buona parte inesplorato.

Tags:
cresativitàartemostrescritturaeditoriasvimezfiscotasseredditi




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Ufo e Vaticano, le strane relazioni. La verità sui rapporti non identificati

Ufo e Vaticano, le strane relazioni. La verità sui rapporti non identificati

i più visti
i blog di affari
Tim, Altavilla vince ma non convince.Spiraglio per il ripensamento di Gubitosi
di Angelo Maria Perrino
Grecia, umiliazione eurocratica. Il culmine dell'oltraggio alla nostra civiltà
di Di Diego Fusaro
Alimentarsi bene per stare in forma
di Barbara Cappelli

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.