A- A+
Roma
Sgarbi minacciato e insultato, la risposta: "Pronto a sciogliere il Comune"

Amministrazione di Sutri al capolinea. È scontro totale tra il sindaco Sgarbi e i propri consiglieri, il critico d'arte denuncia minacce e insulti, poi sgancia la "bomba": "Pronto a sciogliere e chiedere il commissariamento del Comune".

 

Altro che "Rinascimento", l'avventura del neo sindaco sembra pronta ad arenarsi dopo neanche 3 mesi. L'annuncio arriva tramite una nota del critico d'arte e deputato di Forza Italia, attraverso la quel denuncia il potere di alcune famiglie di Sutri paragonandole a quelle dei mafiosi: " Per quello che mi riguarda la mia esperienza da qui in avanti sara’ a tempo definito. Occorre il ripristino delle regole", annuncia Sgarbi. Al centro delle polemiche un violento diverbio, avvenuto tra il primo cittadino e il consigliere Matteo Amori durante una riunione a villa Savorelli. Amori, cognato del vicesindaco Casini, avrebbe infatti insultato Vittorio Sgarbi durante un'accesa discussione, arrivando a minacciarlo. Questo quanto riferito dallo stesso sindaco, che ha esposto l'episodio ai carabinieri di Ronciglione.

Un episodio probabilmente non nato lì, anzi. Tutti i consiglieri comunali, ad eccezione dell'assessore Claudia Mercuri, avevano infatti lo scorso 20 agosto inviato al sindaco una lettera congiunta, nella quale si chiede di fare un passo indietro in merito a presunti "personaggi locali interessati" e collaboratori dello stesso, coinvolti, secondo l'accusa, più a fondo nei processi decisionali del Comune rispetto agli stessi eletti. Una richiesta ufficiale, per rimediare a quello che gli stessi definiscono una "falsa partenza" del professor Sgarbi.

 

L'esito e gli sviluppi, decisamente non felici, oggi non sembrano più un mistero. Dopo lo scontro di villa Savorelli, Sgarbi ha infatti lanciano un ultimatum indirizzato al vincesindaco Casini e al congnato: "Non so se il vicesindaco Casini intenda 'finoallafine' stare unito al violento consigliere Amori, o accetti le mie condizioni: le dimissioni da consigliere di Amori per vilipendio delle istituzioni e indegnità morale e politica, o dimettersi con lui".

"Una esperienza come questa non l’avevo vissuta neanche a Salemi - denuncia ancora Sgarbi - dove le famiglie non ritenevano di essere superiori alla democrazia assembleare e non avevano consuetudini a insultare e minacciare ma a discutere. Il potere di alcuni gruppi famigliari a Sutri è affine al potere mafioso e si configura come estraneo alla democrazia. Sono pronto a denunciarlo a Sutri e a chiedere al prefetto in vigore di tali comportamenti lo scioglimento del comune e il suo commissariamento. Per quello che mi riguarda la mia esperienza da qui in avanti sara’ a tempo definito. Occorre il ripristino delle regole".

Tags:
sutriterremotosgarbi sindacoscioglimento comunecommissariamentoroma







Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Scuole materne nel caos: il Comune di Roma va a caccia di “maestre per caso”

Scuole materne nel caos: il Comune di Roma va a caccia di “maestre per caso”

i più visti
i blog di affari
Diciotti, nostalgici dell'Ancien Régime scatenati contro i "beceri" populisti
di Massimo Puricelli
LUM School of Management sede di Milano. Si inaugura l'anno accademico
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitori Renzi, i domiciliari? Regolamento di conti nella Sinistra
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.