A- A+
Roma
“Siete tutti corrotti e l'Anac va abolita”. Nasce il think tank anti populismo

Contro il populismo un debutto da brivido: un convegno per affermare che di fronte alle leggi ispirate alla cultura del sospetto come lo Spazzacorrotti e alla sfiducia nei confronti di dirigenti pubblici e imprenditori, “Siete tutti corrotti”. Arriva la piattaforma anti-Rousseau, oggi alle 18 al Tempio di Adriano.

Nasce con una provocazione e una certezza nel risultato che uscirà dalle urne del 26 maggio, Pop-Up, il primo centro studi Post-populista, una piattaforma digitale nella quale confluiranno le elaborazioni e le soluzioni di un gruppo di esperti riuniti intorno ad un sito internet lontano anni luce dalla piattaforma Rousseau. E chi sono coloro che hanno deciso di metterci la faccia in quello che appare come un progetto ispirato alla difesa a oltranza in un Europa candidata a cadere in mano ai populisti? In prima fila il presidente Matteo Mungari, avvocato, consulente di importanti società e membro dell'associazione Civita, insieme a Cristina Gasparri, dirigente della Luiss, aiutati da un comitato tecnico che annovera tra i partner Natale Forlani, Enrico Vanzina, Paolo Garonna, Riccardo Puglisi, Gianfranco Polillo, Roberto Maviglia, Massimo Beccarello, Edoardo Croci, persino Guido Bertolaso a far compagnia come esperto riconosciuto ad una schiera di accademici che trasformano il think tank in una sorta di ateneo allargato.

Scrivono i presentatori del Centro Studi: “Pop Up avrà una struttura leggera e moderna. Il sito web (www.popupstudi.it) sarà il centro di elaborazione e di confronto tra portatori di interessi, esperti e comuni cittadini. I responsabili delle aree modereranno confronti e poi produrranno articoli, approfondimenti, paper, brevi contenuti video, il tutto da disseminare sui canali social per raggiungere il più vasto numero di persone possibile”.

Ora l'appuntamento del giorno: "Il titolo della tavola rotonda è volutamente provocatorio - dice il presidente di Pop Up Matteo Mungari - ma il pensiero della corruzione onnipresente è il presupposto dal quale chi ha fatto le leggi partiva: la cultura del sospetto e la sfiducia nei confronti delle imprese e dei dirigenti pubblici. La politica, orfana dei partiti e della capacità di elaborare soluzioni efficaci, ha prodotto questi mostri giuridici. I politici hanno pensato solo al dividendo elettorale che la caccia al corrotto regala, e non hanno dato al Paese un quadro di regole chiaro e snello all'interno del quale muoversi. Pop Up nasce per elaborare soluzioni a problemi complessi e comunicarle con i più moderni mezzi di comunicazione con messaggi intuitivi, ma senza eccessiva semplificazione. Senza cercare un titolo da rilanciare sui social, come è per esempio la legge "Spazzacorrotti. Queste misure, paradossalmente, non solo non hanno risolto il problema della corruzione, ma hanno ingessato il nostro Paese che sta morendo senza investimenti pubblici e privati".

Conclude Mungari: “Non si combatte la corruzione con la complessità, servono norme semplici, certezza del diritto e sistemi di controllo che aiutino chi decide. Alla conferenza di mercoledì, discuteremo di questi temi con dirigenti pubblici e privati, rappresentanti di associazioni, accademici e professionisti esperti di grandi opere e codice degli appalti. Per fare alcuni nomi, Stefano Parisi segretario di Epi, il primo a proporre l’abolizione dell’Anac, Edoardo Bianchi, vice presidente di Ance, il presidente delle Camere Penali e altri relatori non meno competenti. E' necessario un vero cambiamento, abbiamo la presunzione di rappresentare il primo passo verso un'epoca di politiche pubbliche post-populiste".

Appuntamento alle ore 18 al Tempio di Adriano.

Commenti
    Tags:
    corrotticorruzionetangentianacspazzacorrottipopoulismoelezioni europeematteo mungaricivitaluissguido bertolasoenrico vanzina




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Forza Italia, dramma 5% a Roma. Bordoni: “Colpa della malattia di Berlusconi”

    Forza Italia, dramma 5% a Roma. Bordoni: “Colpa della malattia di Berlusconi”

    i più visti
    i blog di affari
    Europee, il meritato fallimento delle sinistre fucsia filobancarie
    di Diego Fusaro
    Europee, flop M5s: dove sono finiti i voti perduti e perché Di Maio trema
    di Marco Zonetti
    Al voto,con le parole di Salvini ad Affari: in Italia non c'è bisogno del caos
    di Angelo Maria Perrino

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.