A- A+
Roma
Terremoto, i controsensi del Lazio: la ricostruzione la pagano i terremotati

Case distrutte, vite spezzate e ora oltre il danno, la beffa. I terremotati devono fare i conti con la normativa vigente nella Regione Lazio che è l'unica che prevede costi altissimi a carico di chi ha subito gravi danneggiamenti alla propria abitazione. Come è prevedibile, questo scoglio sta rallentando in maniera catastrofica la ricostruzione delle zone colpite dal sisma.

 

Come spiega la vicepresidente dei Geologi Lazio Tiziana Guida: “Vige un regolamento per le autorizzazioni sismiche, che prevede indagini minime obbligatorie. Indagini che garantiscono sì uno standard elevato in termini di sicurezza e qualità degli elaborati prodotti, ma che, ai fini della ricostruzione di un edificio, prevedono un costo maggiore rispetto al contributo previsto dalle Ordinanze”.

Un esempio concreto aiuta nella comprensione di ciò che sta accadendo ai terremotati del Lazio: “Un immobile di 150 metri quadri con un danno medio riceverà un contributo per la ricostruzione di circa 135mila euro, il contributo per le indagini massimo è del 3%, quindi 4mila euro, mentre le indagini da eseguire, perché il progetto ottenga l’autorizzazione sismica ai sensi del Regolamento regionale dai competenti uffici dei Geni Civili, costeranno 9mila euro. In questa situazione, quindi, il proprietario di quell’immobile dovrà contribuire con diverse migliaia di euro affinché la progettazione della sua casa possa andare avanti: soldi che i cittadini spesso non si possono permettere, figuriamoci chi ha visto la propria abitazione sgretolarsi a causa del terremoto. E questo accade solo nel Lazio, l’unica regione ad avere questo tipo di regolamento”, spiega Guida.

Intervenuti al convegno “30 ottobre 2016 - Magnitudo 6.5: il punto dei Geologi a un anno dal sisma”, organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi e dall’Ordine dei Geologi delle Marche presso l'Auditorium Monsignor Silvano Montevecchi di Ascoli Piceno, i Geologi del Lazio hanno presentato la tragica situazione della Regione e chiesto di trovare soluzioni per superare l'impasse.

“Abbiamo proposto un tavolo con tutti gli enti preposti affinché si giunga ad una soluzione concreta e definitiva del problema”, dice Guida che chiarisce che durante la discussione si è giunti a un accordo riguardo all'esigenza di operare una corretta programmazione urbanistica del territorio, che sia rispettosa dei delicati equilibri naturali presenti, e sulla necessità di sensibilizzare ed educare società civile e istituzioni al principio della prevenzione.

 

 

Tags:
sismaterremotocaseterremotatidistruzionecentro italialaziomarchegeologitiziana guidaricorstruzione

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Baby gang a Roma, botte e rapine. Presi tre studenti 16enni facce d'angelo

Baby gang a Roma, botte e rapine. Presi tre studenti 16enni facce d'angelo

i più visti
i blog di affari
Dopo gli ANGELI di Victoria’s Secret, arrivano le DIVE di Twins.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Macron: crisi politica Italia-Europa. Repubblica dà voce all'élite finanziaria
di Diego Fusaro
Cosa sappiamo dell’attacco dell’Isis in Iran
di Ovidio Diamanti

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.