A- A+
Roma
Sos disabili, pensioni basse e zero servizi. Numeri da incubo nel Lazio

Sempre più disabili, 330mila nel Lazio, e sempre più in difficoltà. Pensioni basse e zero servizi, l'Uil Lazio svela i numeri da incubo dietro il sistema di welfare.

 

Numeri senza pietà, che rivelano innazitutto come le persone con disabilitù siano in aumento: 40mila in più rispetto al 2014 e oltre 100 mila unità in più negli ultimi venti anni. "Un incremento legato soprattutto all’invecchiamento della popolazione che nel Lazio", si legge nella nota. Sono cresciuti infatti del 5% gli anziani con più di 64 anni, che oggi sono oltre 1,2 milioni. Statistiche che spiegano, in parte, l'incremento delle patologie legate alla cosiddetta terza età. Ma l’invecchiamento della popolazione non è il solo responsabile dell’incremento delle patologie invalidanti, soprattutto di quelle parziali.
 

Basti pensare, infatti, che negli ultimissimi anni si è registrato una forte crescita dei disturbi psichici tra i giovanissimi, soprattutto di sesso maschile, probabilmente anche a causa di un riconoscimento ufficiale dei disturbi dell’apprendimento, dell’attenzione e del comportamento, quale l’iperattività, che rappresentano oggi una delle motivazioni più frequenti per l’ottenimento dell’insegnante di sostegno in ambito scolastico (160 mila ragazzi in Italia). Ma concause di tali “disturbi” possono essere individuate anche nell’utilizzo incontrollato dei videogiochi o in una società sempre più esigente sia in relazione alle attese – esplicite o latenti – dei genitori, sia in termini di modelli estetici, di consumo e di status all’interno dei gruppi dei pari.

Considerando i dati Inps relativi ai titolari di pensioni per invalidità civile (per ciechi, sordomuti, invalidi totali e invalidi parziali) al 1 gennaio 2018, è Roma complessivamente la provincia del Lazio con il più alto numero di persone disabili, seguita a distanza da Latina, dove nel 2018 si è registrata la crescita più significativa di anziani (pari al più 9%), cui spesso sono legate diverse tipologie di disabilità che limitano l’autosufficienza e richiedono assistenza e servizi integrati.

Richieste che ancora oggi purtroppo sono spesso a carico delle stesse famiglie - commenta il segretario generale della UIL del Lazio, Alberto Civica - famiglie che si sobbarcano l’onere non solo della malattia e del sostegno, non certo semplice soprattutto in alcune situazioni, ma anche quello economico. Basti pensare, nel caso degli anziani, al ricorso sempre maggiore alle badanti o alle difficoltà quotidiane negli spostamenti: autobus non sempre provvisti di pedane, taxi per disabili solo a richiesta anticipata e in numero esiguo in rapporto alla popolazione, ma anche terapie fisiche o psicologiche non interamente sovvenzionate. Situazioni che evidenziano un sistema di welfare ancora troppo precario e una città e una regione non certo a misura di disabile. I vari avvenimenti di cronaca e le segnalazioni che quotidianamente le associazioni impegnate nel campo della disabilità evidenziano ne sono una triste conferma. E le pensioni non riescono certo soddisfare i bisogni di questa fascia di popolazione”.

L’importo medio dell’assegno per gli invalidi civili, considerando sia la pensione di invalidità sia l’indennità di accompagno), è infatti inferiore a 450 euro mensili, con variazioni molto contenute nei diversi territori. Si passa infatti dai 437 euro di Roma (valore più alto) dove si contano circa 242 mila disabili, ai 421 di Frosinone che rappresenta invece il valore inferiore. In totale, durante l’anno in corso, sono state erogate 413,6 mila pensioni, di cui 296 mila (71,6%) solo nella Capitale. Dall’analisi di genere emerge che le prestazioni erogate agli invalidi civili siano più numerose tra le donne che nel 2018 risultano beneficiarie di 196,6 mila assegni pensionistici nel Lazio (1,8 milioni in Italia), pari a circa il 60% del totale delle contribuzioni per invalidità civile. Tale discrepanza è determinata soprattutto dalla maggiore presenza femminile tra le fasce più anziane della popolazione. Tra gli over 85 le donne sono esattamente il doppio degli uomini. Se gli importi delle pensioni di invalidità civile non evidenziano significative differenze di genere, quelli relativi invece all’invalidità lavorativa - che rappresentano comunque meno di un terzo delle pensioni per disabilità in generale - mostrano un gap particolarmente significativo tra uomini e donne: l’assegno medio per i primi sfiora gli 800 euro mensili, mentre per le donne si ferma a un massimo di 550 euro.

 

Commenti
    Tags:
    disabilipensioniserviziwelfareregione lazioromauil




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Strage di delfini nel Lazio, trovato il 14° cadavere: è allarme moria

    Strage di delfini nel Lazio, trovato il 14° cadavere: è allarme moria

    i più visti
    i blog di affari
    Abbonamenti stadio a numero chiuso: miope scelta societaria
    di Massimo Puricelli
    FASHION TV premia Just Cavalli Porto Cervo come miglior club del 2019
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    L'unica strada è ricucire con la Lega. Il M5s al bivio, rischio sparizione
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.