A- A+
Roma
Stadio Roma, chi dà il via libera vince le elezioni. Roma appesa a un ponte
Advertisement

Un ponte e 100 milioni di euro. Lo stadio della Roma di Tor di Valle diventa uno psicodramma politico elettorale e ormai è chiaro: se James Pallotta non apre il cantiere, la Roma è in vendita.

 

Il silenzio del presidente e la delega totale affidata a Baldissoni per le trattative infinite con Virginia Raggi e Nicola Zingaretti la dicono lunga sulle intenzioni dell'As Roma. Per andare avanti nel progetto americano ci vuole lo stadio perché la prima squadra di Roma, lo show da 50 mila spettatori, ha un costo tale da non poter essere sostenuto senza la città giallorossa.
E mentre la Conferenza dei Servizi procede nel fumus delle carte, ecco che Tor Di Valle diventa una chiave decisiva per le prossime regionali. In sintesi: chi dà il via libera allo stadio rischia di vincere le elezioni e di scontentare la fronda dei costruttori anti, la fronda degli urbanisti “anti” e la fronda dei politici che non vorrebbero lasciare il pallone in mano a Nicola Zingaretti e Miche Civita, gli unici che potrebbero passare alla storia per essersi intestati il via libera all'infrastruttura. L'unica opera in una città indebitata fino all'osso del collo e paralizzata dall'assenza di ogni progettualità.

Ma tutto è appeso a un maledetto ponte: vitale per evitare l'autoimplosione domenicale del triangolo via Ostiense, Gra, autostrada di Fiumicino e cancellato dalla furia urbanistica del Movimento Cinque Stelle che ha cancellato le torri e reso il progetto difficile da sostenere economicamente.

In soldoni: bene far dimagrire il progetto; bene realizzare un ponte; male se Eurnova non chiama le banche e chiede di finanziare per almeno 30 milioni il ponte e male anche se la Regione non ci mette i 70 milioncini che mancano per portare a casa ponte, stadio, calcio e 10 mila posti di lavoro per almeno due-tre anni. Male anche se Zingaretti non capisce che su quel quadrante non è solo la lobby dei pallonari che accende gli appetiti ma a poca distanza dalle tribune cadenti dell'ex ippodromo c'è la partita del raddoppio di Fiumicino aeroporto. Anche lì appetiti, profumo di speculazione e possibile rilancio di una città.

Dunque: chi mette in fila ordinatamente e nel rispetto delle regole i progetti, riaccende la macchina dell'economia e apre una speranza per Roma, che parte dal raddoppio dell'aeroporto, finisce sul ponte che apre le porte dello stadio e si collega alla Nuvola.

Al massimo tutta questa energia finisce per sbattere contro il Campidoglio a Cinque Stelle che odia i bus turistici e pretende che gli stranieri arrivino a Roma e poi si affidino all'Atac per spostarsi in città e fare lo slalom tra i rifiuti. In alternativa c'è la funivia di Casalotti che rischia di diventare il simbolo della follia della politica.

Tags:
stadio romajames pallottaelezioni regionalias romaponte stadio romanicola zingarettivirginia raggibaldissoni




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Morto Zeffirelli, la sua Roma piange il grande regista: legame indistruttibile

Morto Zeffirelli, la sua Roma piange il grande regista: legame indistruttibile

i più visti
i blog di affari
Iran bersaglio prescelto dall'imperialismo atlantista
di Diego Fusaro
DELIVER. La più importante fiera internazionale di e-logistics
di Greta Valentina Galimberti
Richard Thaler a Milano parla di “spinta gentile” ed educazione finanziaria
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.