A- A+
Roma
Stadio Roma, Mezzacapo al gip: “De Vito senza potere, lui mi presentò Parnasi”

Marcello De Vito arrestato nell'inchiesta per lo stadio della Roma, parla l'avvocato Camillo Mezzacapo, anche lui in carcere per corruzione. Davanti al gip Tomaselli, Mezzacapo parla di De Vito: “Lui uomo senza potere, fu lui a presentarmi Luca Parnasi”.

 

"Con De Vito ho fatto solo attività di promozione professionale, lui era uno che aveva visibilità, faceva cene tutte le sere con gente, ma anche fuori Roma, con imprenditori anche milanesi. Noi di politica non parlavamo, capitava solo ogni tanto. Lui è un personaggio pubblico ma di quelli che tagliava nastri perché non aveva potere". È un passo del verbale relativo alle dichiarazioni spontanee rese il 21 marzo scorso nel carcere di Regina Coeli al gip Maria Paola Tomaselli dall'avvocato Camillo Mezzacapo, in carcere per corruzione assieme a Marcello De Vito, ex presidente dell'Assemblea capitolina, nell'ambito del secondo filone di indagine sugli illeciti legati al nuovo stadio della Roma che dovrebbe sorgere nell'area di Tor di Valle. Il verbale è contenuto negli atti dell'inchiesta che la procura ha girato al tribunale del Riesame che il 3 aprile prossimo sarà chiamato a valutare il ricorso degli indagati contro la misura cautelare.

"A qualcuna di queste cene - ha aggiunto Mezzacapo - mi chiamava, io andavo e facevo promozione di attività professionale per cercare di prendere incarichi, aumentare il fatturato nello studio, che è quello che io ho sempre fatto. Ma io non ho mai ottenuto un mandato per avere un provvedimento amministrativo che non e' mai arrivato".

Mezzacapo ha spiegato anche al gip Tomaselli come maturò la conoscenza con Luca Parnasi: "A parte che io per Parnasi... me lo aveva, per modo di dire, presentato Marcello, perché pure questo io lo tiro fuori e risulta. Comunque, devo dire che io Parnasi in tutta la mia vita l'ho incontrato tre volte, in tutta la mia vita”.

“Lui sicuramente aveva frequentazioni maggiori", ha aggiunto Mezzacapo che, su sollecitazione del giudice, ha precisato meglio il soggetto cui stava facendo riferimento: "De Vito. Ma voglio dire, perché lui taglia nastri, questo era il momento che stava facendo opere e cose, voleva fare a Roma e tutto quanto... Quindi loro (Parnasi e De Vito, ndr) si conoscevano e si saranno visti sicuramente molte volte. Ma io nella mia vita Parnasi l'ho incontrato tre volte; una volta nel suo ufficio che non mi disse niente, una volta a studio mio ed una volta in un bar".

Commenti
    Tags:
    stadio romamezzacapomarcello de vitomarcello de vito m5smarcello de vito arrestatoparnasiluca parnasiinterrogatorio
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, uragano Raggi contro Zingaretti: “Vuole la discarica vicino le case”

    Rifiuti, uragano Raggi contro Zingaretti: “Vuole la discarica vicino le case”

    i più visti
    i blog di affari
    Finanza innovativa. Il Master AIPB in private banking per giovani neolaureati
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Montagne russe. La politica adrenalinica nell’era dell’incertezza stabilizzata
    di Maurizio de Caro
    Senza sovranità nazionale non esiste democrazia
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.