A- A+
Roma
Stadio Roma, restano in carcere i collaboratori di Parnasi. No del Riesame

Stadio Roma, dopo il no alla scacerazione dell'avvocato Lanzalone, il Tribinale del Riesame dice no ai domiciliari per i collaboratori diretti di Luca Parnasi.

Il tribunale del Riesame di Roma ha respinto le istanze delle difese e ha confermato la misura del carcere per i collaboratori dell'imprenditore Luca Parnasi (Gianluca Talone, Simone Contasta, Giulio Mangosi e Nabor Zaffiri) accusati di associazione per delinquere nell'ambito dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma.

 

Tags:
stadio romaparnasitribunale riesamelanzalone




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Jamal Taslaq, l'uomo che ha vestito Rania di Giordania alla sfida del barocco

Jamal Taslaq, l'uomo che ha vestito Rania di Giordania alla sfida del barocco

i più visti
i blog di affari
Giorgetti, il Dibba di Salvini. Dibba, il Gg di Di Maio
di Angelo Maria Perrino
Russia, il governo rinnova le sanzioni. Salvini e Di Maio non erano filorussi?
di Diego Fusaro
Lusso, raffinatezza e discrezione a Cannigione nel nuovo Grand Hotel 5 stelle
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.