A- A+
Roma
Stadio Roma. Soldi, consulenze e posti di lavoro a M5S e Fi: “metodo Parnasi”

Stadio Roma, è una storia misera di piccola corruzione. Soldi e promesse ai politici di Forza Italia, Pd e 5 Stelle orchestrata da Luca Parnasi, deus ex machina della società Stadio TdV che avrebbe dovuto realizzare lo stadio.

Il piemme Paolo Ielo, coordinatore dell'indagine, riassume il terremoto che ha colpito Roma e la bassa politica orchestrato a colpi di promesse e dazioni provate: per il Pd Michele Civita, all'epoca dei fatti assessore all'Urbanistica, un posto di lavoro per il figlio in una delle società del Gruppo; per Adriano Palozzi di Forza Italia un lavoro mai fatto con una fattura pagata da 25 mila euro. Nell'ordinanza di custodia cautelare c'è anche il nome del capogruppo di Forza Italia in Campidoglio, Davide Bordoni che avrebbe ricevuto somme di denaro in contanti non quantificate. E poi c'è il capogruppo M5S Paolo Ferrara, al quale Parnasi avrebbe promesso la consegna chiavi in mano del progetto per il rifacimento del lungomare di Ostia secondo le idee del Cinque Stelle.

Una promessa “speciale” Luca Parnasi la fa all'avvocato Luca Lanzalone, una cosa alla romana “da Luca a Luca”: consulenze legali accertate per 100 mila euro destinate alle società del Gruppo Parnasi.

Quello che Ielo chiama un forte investimento sulla politica da parte del costruttore romano è diviso in due tranche: investimenti “illeciti” e aiutini elettorali e non regolarmente registrati, tutti facenti parte di un “metodo Parnasi” per oliare le macchine della macchina amministrativa. Il magistrato chiarisce che per Lanzalone non è possibile collegare la sua attività di consulenza nella notte dello stadio e la sua nomina a presidente Acea, così come chiarisce che Acea e As Roma sono totalmente fuori dall'inchiesta.

Il “Metodo Parnasi” si allunga a Milano. Negli atti c'è un tentativo di corruzione per muovere una pratica urbanistica che finisce sul tavolo dell'assessore Pierfrancesco Maran ma che viene respinta. In ballo c'era una casa.

Infine, la Procura chiarisce che l'iter dello Stadio di Tor di Valle no si blocca. Nessun provvedimento di sequestro è stato emesso sino questo momento.

Infine la sorpresa: l'indagine è una costola del filone Scarpellini-Marra e ha preso consistenza attraverso una serie di intercettazione telefoniche. A togliere il velo sul “metodo Parnasi”, un'intercettazione ambientale negli uffici della Stadio TdV di via Emilia 88 a Roma.

Tags:
stadio romator di vallepaolo ielo procura romam5sforza italiaraggipalozzilanzalonebordoniparnasi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Elezioni: il caso Fiumicino. Trovati documenti primo turno, violata la privacy

Elezioni: il caso Fiumicino. Trovati documenti primo turno, violata la privacy

i più visti
i blog di affari
Sala, il simbolo della Sinistra bocciata il 4 marzo
di Massimo Puricelli
Renzi e Berlusconi sulla stessa barca
Migranti, le frasi ad effetto del premier Sanchez
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.