A- A+
Roma
Sul red carpet di Venezia con Furore. Poi Elena Russo torna subito a teatro

Nome Elena. Cognome Russo. Stato civile: vedova perché nella fiction Furore ha ucciso il marito ed è riuscita a non farsi scoprire. Segni particolari: un Telegatto conquistato lo scorso anno che esibirà come trofeo lunedì prossimo al Festival di Venezia dove il genere della fiction avrà un “fuori concorso” e un passeggiata sul tappeto, perché anche il grande cinema prima o poi dovrà capire che le Fiction ben fatte sono arte. O quasi.


Sorriso smagliante, cuore napoletano e romana di adozione, la Russo è la prova che quando un attrice si mette in testa di scendere dal treno che trasporta gli aspiranti bravi, ci riesce: “Basta studiare, studiare e poi studiare ancora e fissare un obiettivo e lavorare per raggiungerlo, perché nell'arte più antica del mondo dopo la pittura, nulla  è casuale”.

Top secret il vestito che Elena Russo indosserà a Venezia, l'unica maglia che si apre è quella della stilista che ha lavorato di ago e filo: Gabriella Bolero. Poi la testa della Russo è a Venezia perché è con Furore che il personaggio di Sofia Fiore, la donna del sud che “sale a Roma” in cerca della vita, ha conquistato il suoi 4 milioni di telespettatori a puntata, sfidando chi le fiction le digerisce “solo in rete”.


Appena conclusa la passeggiata sul tappeto rosso, la Russo si ritufferà nel lavoro. Dal 12 al 15 ottobre sarà La Reggente, portando sul palco quella cattiveria dei boss malavitosi al femminile che solo il sapore sangue può alimentare. Di Fortunato Calvino, con la regia di Stefano Incerti e Salvatore Striano, Luigi Credendino, la Reggente sarà al teatro Brancaccino di Roma.

Ma chi è oggi Elena Russo?
“Una donna migliore rispetto al passato perché il tempo non deve solo costringere a contare le rughe. Sono più riflessiva e il bello della mia vita deve ancora venire. Basti pensare che in passato il red carpet non l'ho mai accettato perché volevo passeggiare on un mio film. Lo studio e il lavoro mi hanno fatto riscoprire la giusta umiltà che deve avere un'artista. Ci sono tropi diversivi che ti danno l'idea di essere “arrivata” ma non è così. Vado a Venezia fiera del mio lavoro e della mia fiction Furore”.

Tags:
elena russofictionfuroretelegattofestival veneziared carpetbrancaccinoteatrola reggente

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Economia e management secondo Corsera e Bocconi. Una nuova collana editoriale
di Paolo Brambilla - Trendiest
La verità dietro il caso Casalino-Mef
di Angelo Maria Perrino
Giancarlo Prandelli a Pisacane Arte. "Mani in Pasta" gli dedica ... una pizza
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.