A- A+
Roma
Superbatteri resistenti agli antibiotici: paura negli ospedali. Le cause

I superbatteri resistenti agli antibiotici stanno diventando sempre più temibili e inarrestabili e si diffondono soprattutto nei reparti degli ospedali fino a diventare un problema drammatico.

 


"Per quanto riguarda l'antibioticoresistenza - afferma Walter Ricciardi, presidente Istituto Superiore di Sanità (ISS) - l’Italia è maglia nera in Europa ma il fenomeno è mondiale. Se non si interviene, entro il 2050, i germi multiresistenti potrebbero causare 10 milioni di decessi l'anno”.
Dalla Klebisella all'Escherichia coli, dallo Stafilococco aureo alla Tubercolosi: le infezioni batteriche contratte in ospedale colpiscono ogni anno in Italia circa 284.100 pazienti causando da 5.000 a 7000 decessi. Ma per fronteggiare il pericolo, è imminente il varo del primo Piano contro la resistenza agli antibiotici, annunciato nei giorni scorsi dal Ministero della Salute.

Questo uno dei temi affrontati nel corso dell'evento AHEAD - Achieving HEalth through Anti-infective Defense, promosso da MSD Italia e che si è tenuto lunedì presso l'Acquario di Roma. Hanno partecipato, fra gli altri, Walter Ricciardi, presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Nicoletta Luppi, presidente e amministratore delegato Msd Italia, azienda leader nella ricerca di nuovi antibiotici antiresistenti e Federico Gelli, membro della XII commissione Affari sociali della Camera dei deputati.

Le colpe delle industrie farmceutiche
La minaccia è planetaria, ed ha cause biecamente mercantili: per anni le aziende farmaceutiche non hanno investito in questo settore e preferito ambiti più remunerativi. Le infezioni intra-ospedaliere riguardano oggi l'8-12% dei pazienti ricoverati. In Europa si verificano annualmente 4 milioni di infezioni da germi antibiotico-resistenti che causano oltre 37mila decessi con un costo stimato di circa 1,5 miliardi all'anno; negli Stati Uniti sono 2 milioni i soggetti colpiti da un'infezione resistente agli antibiotici con circa 50mila morti e una spesa che supera i 20 milioni di euro. In Italia la resistenza agli antibiotici si mantiene tra le piu' elevate in Europa e quasi sempre al di sopra della media europea. Nel nostro Paese ogni anno dal 7% al 10% dei pazienti va incontro a una infezione batterica multiresistente con migliaia di decessi.
L’Oms (organizzazione mondiale sanità) ha stilato una prima lista di 'ricercati' speciali : sono le 12 famiglie di batteri più pericolosi al mondo, resistenti agli antibiotici attualmente utilizzati e che, dunque, rappresentano la più grande minaccia per la salute pubblica globale. L'elenco - il primo del genere - dei patogeni 'prioritari', nasce con con l'obiettivo di guidare e promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci mirati. A preoccupare sempre di più sono batteri gram-negativi, contro i quali diversi antibiotici sono ormai armi spuntate. La lista dell'Oms è divisa in 3 categorie, a seconda dell'urgenza del bisogno di avere a disposizione nuovi farmaci.

Il "pericolo" negli ospedali
Il gruppo più critico è rappresentato da batteri multi-resistenti, che costituiscono un pericolo in ospedali, case di cura e per quei pazienti che hanno bisogno di device come ventilatori meccanici e cateteri: fra questi 'super bug', Acinetobacter, Pseudomonas e diverse Enterobatteriacee (Klebsiella, E. coli, Serratia e Proteus), che possono causare varie infezioni del sangue e polmoniti. Sono ormai resistenti a un gran numero di antibiotici, inclusi i carbapenemi e le cefalosporine di terza generazione. Del secondo e del terzo gruppo fanno parte batteri resistenti che causano malattie più diffuse come gonorrea e intossicazioni alimentari. "Con questa lista cerchiamo di assicurare che ricerca e sviluppo rispondano ai bisogni prioritari di salute pubblica - sottolinea Marie-Paule Kieny, responsabile Oms per i sistemi sanitari e l'innovazione - Se lasciamo tutto al solo mercato, gli antibiotici di cui abbiamo più bisogno non arriveranno in tempo".

Tags:
batterisuperbatteriantibioticiistituto superiore sanitàgermiantibiotico resistentiwalter ricciardi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

Chi parla male di Atac viene licenziato, via Micaela Quintavalle, è ufficiale

i più visti
i blog di affari
Decreto Salvini, si chiama Mattarella, non mattarello
di Angelo Maria Perrino
Cara Milano, <i>Versace</i> da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
di Maurizio de Caro
A Bruxelles il nuovo ordine erotico genderizzato
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.