A- A+
Roma
Tassa sulla pipì a Roma: ecco chi ha inventato e difende la norma monstre

Tassa sulla pipì a Roma e nel Lazio: l'inventore del balzello occulto inserito nella legge regionale che riordina il settore del commercio, esce allo scoperto e confessa di essere l'autore di quelle due righe con le quali si dà facoltà di far pagare l'accesso a bagni in ristoranti, bar e pizzerie a condizione che ci sia un cartello.

Si chiama Massimiliano Maselli, viene da una tradizione democristiana e nel 1995 ha debuttato nel Consiglio regionale del Lazio. Attualmente è presidente del Gruppo Noi con l'Italia in perfetta e totale solitudine e appoggia il centrodestra. Dunque, Maselli da presidente della Commissione Sviluppo Economico, si è speso in difesa della norma monstre che, se approvata dal Consiglio regionale, non solo darà uno schiaffo al Comune di Roma, ma aprirà il via libera al business della pipì, trasformando un'esigenza fisiologica garantita dagli esercizi pubblici, in una nuova stagione in stile Vespasiano.

L'ottimo Maselli commenta così la denuncia di affaritaliani.it: “E' bene chiarire che il Testo Unico sul commercio non prevede alcuna tassa sull'uso dei servizi igienici degli esercizi pubblici. Trovo stucchevole e scorretto che vengano messe in giro notizie del tutto prive di fondamento”.

massimiliano maselli
 

E proprio perché “stucchevoli e prive di fondamento”, il presidente chiarisce, aggiunge e involontariamente conferma: “... Qualora il servizio igienico, per i soggetti diversi dalla clientela dell'esercizio, sia messo a pagamento, il prezzo dello stesso deve essere reso ben noto attraverso l'apposizione di idoneo cartello. Si tratta quindi di una norma che ha come obiettivo quello di tutelare esclusivamente il pubblico”.

L'autogol è servito. Per Maselli la tutela del pubblico è quella di garantire un tassa sulla pipì che prima non esisteva. Non esiste nell'insieme di leggi e regolamenti che permettono l'apertura di un pubblico esercizio dove il bagno è uno dei requisiti fondamentali per l'apertura tra l'altro sanzionato, e non esiste a Roma, dove il Comune ha chiarito con una nuova disposizione che chi ha un bar o un altro tipo di locale aperto al pubblico deve mettere a disposizione anche dei non clienti la possibilità di usufruire dei servizi igienici. E' scritto ma la norma che Maselli difende con accanimento, ignora qualsiasi legge o regolamento comunale. Dunque, far pagare l'accesso al bagno è controlegge.

Ma dietro quelle due righe c'è di più. Da un punto di vista giuridico la possibilità di vedere cancellate le funzioni di pubblico servizio di bar e ristoranti, stravolgendo completamente i principi cardine che regolano il settore. Ma la lettura che affaritaliani.it ha dato alla norma, Maselli la definisce “capzioso e sleale”, ragion per cui invitiamo il consigliere Maselli a:

1 - Rileggersi il compendio di leggi sul commercio e sui pubblici servizi. (se non è in grado lo aiutiamo volentieri);

2 - Rileggersi il Nuovo regolamento di Polizia Urbana del Comune di Roma approvatolo scorso 5 luglio;

3 – Ascoltare la voce dei consumatori che sono i rappresentanti dei cittadini e non limitarsi a concedere gentilezze alle lobby dei baristi e dei ristoratori inserendo due righe confuse che generano solo il caos;

4 - A rileggere con mente lucida le sue dichiarazioni per evitare accuse ridicole smentite dalle sue stesse parole e peggiorare la sua imbarazzante posizione di legislatore.

5- A preparasi a una pioggia di emendamenti che spazzeranno via la sua voglia di normare la pipì di romani e turisti.

Una tassa sulla pipì, la Regione Lazio approva. Si pagherà in bar e ristoranti

Commenti
    Tags:
    tassa sulla pipìristorantibarconsiglio regionale del laziotesto unico sul commercioservizi igienicimassimiliano masellicomune romacommissione sviluppo economiconuovo regolamenti di polizia urbanaregione lazio
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Giù la Tangenziale Est: l'ombra della corruzione sul cantiere della Raggi

    Giù la Tangenziale Est: l'ombra della corruzione sul cantiere della Raggi

    i più visti
    i blog di affari
    Accordo Brexit: Belfast esce con l'UK rimanendo in una zona tariffaria unica
    di Bepi Pezzulli
    Ortoressia, la nuova ossessione alimentare
    di Mariella Colonna
    A Milano tre nuovi locali in puro stile Art Factory in zona Garibaldi-Moscova
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.