A- A+
Roma
Tavolo per Roma: istituita la cabina di regia per gestire 3 miliardi di fondi

Occupazione giovanile in picchiata, Pil in calo del 6% dal 2008, con una flessione procapite del 15% tra i romani, commercio trainato da ambulanti e affittacamere, pressione fiscale al +24%. É questo il quadro allarmante che ministro dello Sviluppo Economico, sindaco di Roma, presidente della Regione e sindacati sono stati chiamati ad affrontare martedì, col primo Tavolo per Roma. Una riunione durata appena 2 ore e che ha posto le basi di una collaborazione duratura tra le istituzioni per la rinascita della Capitale.

 

Raccolti al Mise nel maxi-vertice, le parti hanno affrontato la questione dei fondi da destinarsi alla crescita economica della Città Eterna: 3 miliardi da investire nello sviluppo e nelle infrastrutture. Nasce così la cabina di regia dedicata alla Capitale, che prevede un secondo incontro tra 10 giorni e un terzo a fine novembre. Carlo Calenda, Virginia Raggi, Nicola Zingaretti, il vicesindaco Luca Bergamo e i segretari di Cgil, Cisl e Uil, oltre ai rappresentanti delle forze produttive della Capitale hanno discusso di un piano attivo per Roma. Cinque aree tematiche hanno dominato e domineranno la scena: rilancio della competitività, mobilità, turismo, riqualificazione urbana e distretti a valore aggiunto.


La sindaca Raggi si è detta soddisfatta dell'incontro e ha precisato che tra lei, il ministro Calenda e Zingaretti c'è stato accordo e collaborazione: "Un metodo di lavoro vincente che vede la condivisione di obiettivi. Abbiamo finalmente trovato una bella sinergia - ha affermato - Su Roma si vince o si perde tutti insieme. Il comune sta facendo la sua parte, ma chiaramente ci sono determinate aree su cui l'intervento di Governo e Regione è fondamentale". Nessuna tensione, insomma, tra il primo cittadino della Capitale e il padrone di casa del Mise, che avevano battibeccato da fine settembre in poi sulla rispettiva disponibilità a cooperare per il bene della città.


Il primo tassello del piano per Roma prevede un fondo ministeriale per l'acquisto di 600 autobus a metano ed elettrici, 53 milioni per la logistica e la distribuzione delle merci in città e fino a 60 milioni sulla filiera della chimica farmaceutica. A illustrare le idee portate al Tavolo è il segretario della Cgil di Roma e Lazio, Michele Azzola: "Entro la prossima settimana dovranno essere inviate le proposte di modifica e si lavorerà a un piano industriale delle proposte di tutti”.


Soddisfatto anche il governatore della Regione Lazio: “Mi sembra sia andato tutto molto bene. Voglio ringraziare il Ministro Calenda, saremo coprotagonisti del rilancio di Roma. Mettiamo a disposizione decine di milioni per il sostegno alle imprese, l’efficientamento energetico, le scuole, il commercio e l’artigianato tutte scelte figlie del confronto con la città e i soggetti sociali. Su questo il Mise ha offerto la disponibilità di integrare con nuove risorse tutti i capitoli proposti. Inoltre abbiamo segnalato la nuova legge della rigenerazione urbana come grande opportunità per lo sviluppo intelligente della città. A questo possiamo aggiungere gli investimenti sulle infrastrutture come i 140 milioni sulla Roma-Viterbo e i 180 milioni sulla Roma-Lido e la straordinaria scelta annunciata oggi dal Ministro Delrio di finanziare con centinaia di milioni la ferrovia che da Roma arriva diretta a Rieti”, ha concluso Zingaretti.


Ai piedi del Mise, durante l'incontro, si sono fatti sentire con fischietti e trombette i lavoratori di Sky, Agile ex-Eutelia e Aci informatica, che hanno intonato cori contro le istituzioni: “Il tavolo su Roma va fatto al cimitero, volete soltanto il lavoro nero” è stato lo slogan ripetuto a oltranza.
Guido Lutrario della Usb ha imbracciato il megafono per urlare: “Il ministro Calenda ha aspettato che si compisse lo sfacelo per convocare questo tavolo, mentre l'amministrazione comunale non si rende conto che la Capitale è allo sbando e quella regionale fa scelte sbagliate. È inaccettabile che questo tavolo sia fatto con i soliti noti: in questo tavolo ci devono stare i lavoratori a cominciare da quelli di Alitalia traditi da Cgil, Cisl e Uil. È segno che la democrazia non c'è più".

 

Tags:
tavolo per romavirginia raggicarlo calendanicola zingarettiusbcgilcisluilmanifestazioneprotestalavoratorimisesviluppocabina di regia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

i più visti
i blog di affari
Economia e management secondo Corsera e Bocconi. Una nuova collana editoriale
di Paolo Brambilla - Trendiest
La verità dietro il caso Casalino-Mef
di Angelo Maria Perrino
Giancarlo Prandelli a Pisacane Arte. "Mani in Pasta" gli dedica ... una pizza
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.