Terremoto ad Amatrice, Sergio Pirozzi indagato per omicidio colposo - Affaritaliani.it
A- A+
Roma
Terremoto ad Amatrice, Sergio Pirozzi indagato per omicidio colposo

Il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, e candidato alla presidenza della Regione Lazio, e' indagato per omicidio colposo dalla Procura della Repubblica di Rieti per il crollo di una delle tre palazzine di Largo Sagnotti, avvenuto durante il terremoto del 24 agosto 2016.

 


L'iscrizione nel registro degli indagati del primo cittadino del borgo reatino entra nell'inchiesta sul crollo degli alloggi popolari, coordinata dai sostituti procuratori Lorenzo Francia e Rocco Gustavo Maruotti. Oltre a Pirozzi, secondo quanto si apprende, sarebbero indagate altre 7 persone.
Lo stabile era rimasto danneggiato dal terremoto dell’Aquila del 2009 e per questo era stata emessa un’ordinanza di sgombero dalla precedente amministrazione comunale. Erano stati compiuti dei lavori, che avevano riguardato una porzione dell’immobile. Al termine gli abitanti erano tornati nei loro appartamenti. Ma, con la scossa devastante del 24 agosto, la palazzina era venuta giù. Come quella accanto, gemella, edificata dallo stesso costruttore.

La posizione di Pirozzi

Sergio Pirozzi, in qualita' di sindaco del Comune di Amatrice, "ha consentito, o comunque non ha impedito, il rientro e la permanenza nelle proprie abitazioni degli inquilini residenti dell'immobile di Largo Sagnotti numero 1, che furono evacuati dall'immobile subito dopo il terremoto de L'Aquila, nell'aprile del 2009. Un rientro che avvenne nonostante sulla palazzina insistesse ancora un'ordinanza di sgombero, emanata proprio ad Aprile dallo stesso Comune - di cui Pirozzi non era ancora sindaco, essendo stato eletto nel giugno di quell'anno -, e nonostante non fosse ancora stata ripristinata l'agibilita' della stessa". E' quanto scrivono i pm di Rieti Rocco Gustavo Maruotti e Lorenzo Francia nell'atto di conclusione delle indagini che in queste ore e' stato notificato al sindaco del borgo reatino distrutto dal terremoto del 2016 e ad altre sette persone, indagate a vario titolo per il crollo di una delle palazzine in cui hanno perso la vita 7 persone. Nel dispositivo i magistrati reatini imputano a Sergio Pirozzi, ai componenti della sezione speciale dell'area Genio Civile di Rieti Giovanni Conti, Valerio Lucarelli, Maurizio Scacchi e Maurizio Peron, al comandante della polizia municipale Gianfranco Salvatore e al capo dell'ufficio tecnico di Amatrice Virna Chiaretti, la responsabilita' del "non aver impedito il crollo dell'edificio sito in piazza Sagnotti n.1", ognuno per le proprie sfere di competenza. A questi si aggiunge anche Ivo Carloni, fratello dell'ex vicesindaco di Amatrice, che all'epoca dei fatti era progettista dell'architettonico e delle strutture, calcolatore e direttore dei lavori di riqualificazione dell'edificio a seguito dei danni riportati dopo il terremoto de L'Aquila.

Vengono altresi' contestate agli indagati le condotte di "negligenza, imprudenza e imperizia", oltre alla "inosservanza delle norme tecniche per le costruzioni". Secondo la tesi dei magistrati, gli inquilini della palazzina di piazza Sagnotti, che fu evacuata dopo il sisma aquilano e fino al luglio del 2009, non avrebbero dovuto essere nelle rispettive abitazioni al momento del crollo avvenuto durante il terremoto del 24 agosto 2016, in quanto i danni riportati dallo stabile sette anni prima non furono ne' valutati ed analizzati con la dovuta accortezza e attenzione, ne', di conseguenza, gli interventi di riqualificazione pianificati ed effettuati furono adeguati al superamento delle criticita' strutturali, tanto da non consentire il ripristino dell'agibilita' dell'edificio. Senza contare che sull'immobile vigeva un'ordinanza di sgombero mai revocata, ordinanza che Gianfranco Salvatore, in qualita' di comandante della polizia municipale di Amatrice, non avrebbe fatto rispettare non impedendo il rientro degli inquilini nelle proprie abitazioni. Per quanto riguarda la posizione di Pirozzi, i magistrati reatini precisano come il sindaco, pur essendo stato eletto a giugno del 2009, e quindi dopo l'evacuazione della palazzina, fosse a perfetta conoscenza della situazione, avendo lui stesso avallato i rimborsi alle strutture ricettive che ospitarono gli inquilini di largo Sagnotti durante la stessa evacuazione. Per tutti gli indagati le ipotesi di reato indicate nella notifica di fine inchiesta vanno dall'omicidio colposo alle lesioni personali colpose.

 

Gli indagati

Con la chiusura delle indagini relative al crollo della palazzina al civico 1 di largo Sagnotti sale a 12 il numero di indagati per il collasso delle tre palazzine popolari ex Iacp. Nel primo filone d'indagine, infatti, relativo al crollo degli altri due complessi residenziali, in cui persero la vita complessivamente 19 persone, risultano indagate altre 5 persone tra ex responsabili di societa', collaudatori e un ex amministratore del Comune di Amatrice.

 

Tags:
terremotosergio pirozziamatriceregionali lazio 2018elezioni lazio 2018

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Baciata da Fiorello, trionfa in costume su Instagram. È Maura, mojederdottore

Baciata da Fiorello, trionfa in costume su Instagram. È Maura, mojederdottore

i più visti
i blog di affari
Crollo ponte Genova: ora punizioni e prevenzione, altro che grandi opere
di Diego Fusaro
Genova, il governo del Cambiamento usi il pugno di ferro con i responsabili
di Angelo Maria Perrino
Bambole di gomma e super-uomini: dal bordello al divano di casa
di Maurizio de Caro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.